Beppe Grillo figlio, interrogata la moglie del comico: “Dormivo, non ho sentito”

Beppe Grillo figlio
Vicenda Beppe Grillo figlio – interrogata la moglie del comico e madre del giovane FOTO viagginews

Caso Beppe Grillo figlio, ascoltata in Procura la moglie del fondatore del Movimento 5 Stelle e madre di Ciro, accusato di abuso di gruppo su una giovane.

Sulla vicenda del figlio di Beppe Grillo gli inquirenti raccolgono ora la versione di Parvin Tadjk, 59enne moglie del comico genovese e fondatore del Movimento 5 Stelle. Ciro, 19 anni, figlio della coppia, è indagato per violenza carnale ai danni di una ragazza. Avrebbe compiuto gli abusi assieme ad altri tre amici nella villa in Costa Smeralda dei Grillo, ai danni di una studentessa conosciuta in discoteca poche ore prima. Alla Procura di Tempio Pausania, la Tadjk ha fatto sapere di non avere sentito nulla. “Stavo dormendo mentre mio figlio era in casa”. La vicenda risale per la precisione al 16 luglio scorso. Anche gli altri indagati sono molto giovani. Si tratta dei genovesi Edoardo Capitta, Francesco Corsiglia e Vittorio Lauria, che avrebbero portato la ragazza che li ha denunciati ed una amica di quest’ultima nell’abitazione del figlio di Beppe Grillo e della famiglia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Beppe Grillo figlio, la Procura indaga

Tutti loro sono già stati interrogati, al pari del tassista che al mattino dopo ha condotto le due ragazze nella loro dimora di Arzachena, dove pernottavano. Anche alcuni vicini di casa hanno rilasciato la loro testimonianza e ci sono stati pure sopralluoghi e perizie varie. Tra gli altri presenti nella villa di Beppe Grillo c’era anche una domestica, la quale pure pare stesse dormendo e non è stata in grado di fornire dettagli di rilievo. La Procura sta analizzando i vari files conservati sui cellulari dei giovani, tra video, messaggi e chat varie. Presi in disamina anche i post rilasciati sui social da parte della presunta vittima. Esaminando i profili social di Ciro Grillo sarebbe emersa l’assenza di riferimenti a quella particolare notte e ad altri giorni immediatamente precedenti e successivi all’episodio.