Home News Tenta strage familiare, il giudice lo rimanda a casa da moglie e...

Tenta strage familiare, il giudice lo rimanda a casa da moglie e figli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:16
CONDIVIDI
strage familiare
Tenta strage familiare, la decisione del giudice sa di beffa FOTO viagginews

Confessa di avere provato a mettere in atto una strage familiare, ma dopo appena qualche mese di carcere può tornare a casa come se niente fosse.

Un uomo ammette di voler compiere una strage familiare, con il preciso e manifestato scopo di volere uccidere la moglie ed i due figli. Ma non vengono presi provvedimenti significativi nei suoi confronti, anzi. Responsabile un 59enne che abita a Brescia e che ha ammesso tutto. Aveva agito in estate contro la coniuge ed i due giovani, scagliandosi contro di loro a martellate. Una volta perpetrato il duplice omicidio, avrebbe dato fuoco alla casa. L’intento non è andato a buon fine e lui era stato arrestato, con l’accusa di tentato omicidio. Dopo aver patteggiato quattro anni e sei mesi ed aver fatto appena tre mesi di carcere però, il violento è pronto a tornare a casa. Quella stessa casa che per poco non è diventata la scena di un terribile delitto. E che non è andata preda delle fiamme. Il 59enne reo confesso risiederà al piano inferiore. La vicenda è avvenuta per la precisione a Coccaglio, a breve distanza da Brescia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Strage familiare, lo avrebbe fatto per problemi economici

Della vicenda erano state informate le forze dell’ordine grazie ad una segnalazione da parte di un altro figlio dell’uomo e della potenziale vittima. Si tratta di un giovane di 24 anni, anch’egli residente in quella dimora con gli altri protagonisti di questa vicenda. In seguito ad una indagine nell’abitazione, i carabinieri avevano trovato svariate taniche di benzina. Un fatto alquanto anomalo per quella circostanza, dal momento che pare non vi fossero motivazioni credibili atte a giustificarne la presenza. L’uomo aveva poi confessato di volere uccidere moglie e figli, per poi togliersi a sua volta la vita. E ha giustificato tale intento con la presenza di problematiche importanti di natura economica. Nella villetta quadrifamiliare vivono la moglie ed i figli. E questa decisione da parte del giudice di rispedire a casa l’aspirante omicida sta facendo naturalmente discutere.