Home News Influenza 2019, già 150mila casi: “Virus più aggressivo”, come difendersi

Influenza 2019, già 150mila casi: “Virus più aggressivo”, come difendersi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:36
CONDIVIDI
influenza 2019
Allarme influenza 2019 con numerosi casi riscontrati FOTO viagginews

L’influenza 2019 è arrivata molto presto: si registrano migliaia di casi tra i quali anche qualcuno grave. I consigli da seguire per stare al sicuro.

I primi freddi sono già arrivati e questo vuol dire iniziare a mostrare la dovuta attenzione all’influenza 2019. La malattia di stagione è già arrivata, tanto che ci sono stati alcuni casi anche rilevanti, con uno in particolare registrato a Parma. Cosa riscontrata addirittura alla fine di settembre, quando la situazione climatica di allora certamente non lasciava presagire già ad una presenza così prematura del virus. Gli esperti virologi ed infettivologi prevedono un numero totale di ammalati che sarà costretto a restare per almeno uno o due giorni a casa sostanzialmente inferiore a quello dell’anno scorso. Paradossalmente però ci si attende una intensità più marcata da parte dell’influenza 2019. Sarà insomma una stagione influenzale più aggressiva. E tale scenario prevede la diffusione di diversi ceppi del virus. In particolare circoleranno le varianti H3N2, H1N1 e B. Per difendersi, gli esperti consigliano di sottoporsi a vaccino, soprattutto per le categorie a rischio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Influenza 2019, come difendersi: il vaccino ed altri facili accorgimenti

Il riferimento è ai bambini ed agli anziani soprattutto, o comunque a quegli individui il cui sistema immunitario risulta essere poco efficace o già sotto sforzo per altre patologie pregresse. Un altro caso grave di influenza si sta avendo in questi giorni ad Udine. E risulta essere particolarmente grave, con il paziente – un uomo di 50 anni – ricoverato addirittura in Rianimazione. Era un soggetto sano, con una storia clinica priva di episodi rilevanti, in base a quanto si apprende. L’uomo è stato colpito da quasi un mese e da allora si trova in ospedale. Ora sembra stia mostrando dei segnali di miglioramento. Intanto c’è una prima stima degli italiani già costretti a letto dal virus. Sono circa 150mila. Questo dimostra che l’influenza incontro alla quale stiamo andando è in grado di creare problemi che non vanno sottovalutati. Per restare al riparo bisogna evitare gli sbalzi termici, assumere tante vitamine C, lavarsi per bene le mani e cambiare spesso vestiti e coperte. Sono solo alcuni degli accorgimenti più semplici da prendere.