Home News Erika Lucchesi, la ragazza morta in discoteca avrebbe portato la droga da...

Erika Lucchesi, la ragazza morta in discoteca avrebbe portato la droga da casa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:01
CONDIVIDI
Erika Lucchesi morta discoteca
Si indaga su dove ha preso la droga Erika Lucchesi FOTO Facebook

Si indaga sul decesso di Erika Lucchesi, la ragazza morta in discoteca nelle prime ore del 20 ottobre. Per gli inquirenti è plausibile una ipotesi inattesa.

Gli inquirenti stanno indagando sul caso di Erika Lucchesi, la ragazza morta in discoteca nelle primissime ore di domenica scorsa. Se sembra ormai chiaro il motivo che ha portato la giovane a morire a soli 19 anni durante quella che sarebbe dovuta essere una nottata di divertimento con gli amici (un mix di droga ed alcolici), al contrario non si sa dove la vittima, che viveva a Livorno, abbia reperito le sostanze stupefacenti. Il decesso è avvenuto al ‘Jaiss’, un locale di Sovigliana, piccola frazione del comune di Vinci, in provincia di Firenze. Le forze dell’ordine ritengono che la cessione della droga ad Erika Lucchesi potrebbe essere avvenuta non nel club dove lei è poi morta.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Erika Lucchesi, la ragazza potrebbe aver portato la droga con sé da Livorno

L’idea degli investigatori è infatti che la 19enne potrebbe avere portato da casa l’ecstasy che le è risultata poi fatale. In totale la ragazza dovrebbe avere assunto tra le due e le quattro pasticche. Sarà l’autopsia già disposta dalla Procura di Firenze a fare luce su questo ed altri aspetti. Il corpo della ragazza morta in discoteca si trova al momento all’Istituto di Medicina Legale di Careggi. Nell’indagine si prefigurerebbe anche il reato di spaccio di stupefacenti, ma come detto, con la possibile eventualità che la droga sia stata acquistata a Livorno o nei pressi della città labronica.

Arrestati due spacciatori, esterni però alla vicenda

Sono i carabinieri di Firenze ad indagare nello specifico, e questa idea relativa al fatto che la livornese non avrebbe acquistato la droga al ‘Jaiss’ o nelle immediate vicinanze del locale è sorta dopo l’interrogatorio al quale sono state sottoposte circa 30 persone, tra amici di Erika Lucchesi ed altri testimoni che erano presenti quando lei è morta. La discoteca aveva riaperto giusto sabato sera, ed ora è stata messa sotto sequestro. Le autorità hanno nel frattempo arrestato, con obbligo di dimora nel Pisano, due individui fermati per spaccio proprio nei pressi del locale di Vinci. Sarebbe però emersa la loro estraneità alla vicenda.