Home News Maurizio Landini, chi è il segretario generale della CGIL: età, carriera e...

Maurizio Landini, chi è il segretario generale della CGIL: età, carriera e vita privata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:19
CONDIVIDI

Conosciamo meglio Maurizio Landini, il segretario generale della CGIL: ecco tutte le curiosità sulla sua vita privata e sulla carriera 

Maurizio Landini chi è
(Getty Images)

Maurizio Landini nasce il 7 agosto del 1961 a Castelnovo ne’ Monti, in Emilia-Romagna. Figlio di una casalinga e di un cantoniere, ex partigiano, è cresciuto a San Polo d’Enza. Da bambino tifava Milan e sognava di diventare un calciatore. Dopo due anni di istituto per geometri all’età di 15 anni inizia a lavorare come apprendista saldatore in una cooperative di Reggio Emilia nel settore metalmeccanico, la Ceti, che produce impianti di riscaldamento ed elettrici. Successivamente s’iscrive al Partito Comunista Italiano e poi passa da delegato sindacale a funzionario della Fiom (Federazione Impiegati Operai Metallurgici) di Reggio Emilia assumendo la carica di segretario generale. Viene eletto segretario generale regionale del sindacato e segretario della sezione di Bologna e così nel 2005 entra a far parte della segreteria nazionale della Fiom. Nel 2010 diventa segretario nazionale della Fiom pubblicando anche il libro con Giancarlo Feliziani “Cambiare la fabbrica per cambiare il mondo – La Fiat, il sindacato, la sinistra assente”. Nel 2015 crea una sorta di movimento chiamato “Coalizione sociale”, mentre ad inizio  2019 viene eletto nuovo segretario generale della CGIL, succedendo a Susanna Camusso.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Maurizio Landini, vita privata

Sposato dal 1998 con la moglie che lavora in Comune. Della donna non si conosce nemmeno il nome. Nel tempo libero ama cucinare  il brasato, i tortellini e anche i dolci, come la torta di ricotta e la crostata di frutta. Non si professa un uomo geloso, mentre in tv adoro Benigni, Crozza e Paolo Rossi. Per quanto riguarda la musica ascolta Fiorella Mannoia. Guccini e le canzoni politiche mi annoiano”.