Francesca Barra parla dell’aborto: “Non ci sono parole per esprimere il dolore”

Francesca BarraOspite de ‘La Vita in Diretta’ insieme al compagno Claudio Santamaria, Francesca Barra ha parlato dell’aborto subito quest’estate.

Tra gli ospiti di Alberto Matano questo pomeriggio a ‘La Vita in Diretta’ ci sono stati anche Claudio Santamaria e Francesca Barra. La coppia si è raccontata al conduttore a 360° parlando di come è nato l’amore, di come la loro vita insieme gli abbia permesso di vivere in simbiosi, ma anche del dolore provato per l’aborto subito in agosto. L’intervista comincia proprio dalla parte sentimentale-romantica della relazione dal momento in cui hanno capito di provare un’attrazione reciproca: “Non riusciamo a spiegare questo fuoco improvviso”.

Sebbene non abbiano spiegazioni per quell’improvvisa fiamma Claudio e Francesca dimostrano costantemente sui social e nelle uscite pubbliche l’affetto reciproco. I post e le foto sono talmente tante che il conduttore scherza e li paragona ai Ferragnez. La coppia sorride nel pensare al paragone e Claudio dice: “La differenza tra noi e loro è che noi non guadagniamo niente sulle cose che pubblichiamo!”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Francesca Barra: “Non riesco ancora a parlare dell’aborto”

In un secondo momento si passa a parlare del libro che Francesca e Claudio hanno scritto a quattro mani, intitolato ‘La giostra delle anime‘. Si tratta di un testo che racconta il dramma subito dalla coppia dopo la perdita del figlio. Un progetto catartico con cui i due cercano di esorcizzare quel profondo dolore che ancora li accompagna e che probabilmente non li lascerà mai. L’attore spera che qualcuno apprezzi il libro al punto da permettergli di farlo diventare un film, un altro modo per parlarne senza parlarne. Sì perché quando Matano chiede loro di raccontare il periodo che stanno vivendo, sia la giornalista che l’attore spiegano che si tratta di un dolore per cui non ci sono parole né termini di paragone, quindi Francesca chiude dicendo: “Una cosa è scrivere, un’altra è parlarne”.