Inter, brutte notizie per i tifosi di Alexis Sanchez: “Stop di 3 mesi”

L’intervento cui ha dovuto sottoporsi Alexis Sanchez – plastica dei tendini peronei – è perfettamente riuscito. Ma ora il giocatore dell’Inter è costretto a uno stop di 2-3 mesi. 

Come preannunciato, Alexis Sanchez si è sottoposto a un’operazione alla caviglia sinistra e l’intervento è perfettamente riuscito. Ad annunciarlo è l’Inter, squadra del calciatore, in un comunicato nel quale si spiega che il consulto del professor Ramon Cugat, a Barcellona, ha confermato la diagnosi di lussazione e si è optato per una plastica dei tendini peronei. Tutto bene, dunque. Ma ora il 30enne attaccante cileno è costretto a un lungo stop, di almeno due o tre mesi.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La lunga convalescenza di Alexis Sanchez

Alexis Sanchez è stato operato a seguito di una lussazione del tendine peroneo lungo della caviglia sinistra rimediata durante la partita con la Colombia. La decisione di ricorrere all’intervento chirurgico, come accennato, è stata presa dopo il consulto dell’attaccante cileno a Barcellona dal professor Cugat. Una scelta che si rifletterà inevitabilmente sulla stagione dell’Inter da qui alla pausa invernale: il ct Conte lo riavrà a disposizione solo nel 2020.

Lo stesso professor Cugat aveva operato Sanchez sempre alla caviglia nel 2007, per cui conosceva alla perfezione l’articolazione dell’attaccante. Nel caso si fosse optato per la terapia conservativa, il cileno sarebbe stato fermo circa un mese, ma con un alto rischio ricaduta. Così, se tutto va bene, Conte riavrà Sanchez verso gennaio, contando sui soli Lukaku-Lautaro-Politano-Esposito (quest’ultimo non sarà convocato per il Mondiale Under 17) per 15-17 partite tra Serie A, Champions League e Coppa Italia.

EDS