Dazi, Mattarella “preme” su Trump: “Accordo subito per evitare ritorsioni”

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha approfittato dell’incontro con Donald Trump per sollecitare una linea più accomodante da parte degli Usa in materia di dazi e politica commerciale.  

“Mi auguro che sia possibile trovare un metodo di confronto collaborativo che eviti una spirale di ritorsioni. E bisogna cercarlo subito”. Questo l’auspicio formulato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante l’incontro nello Studio Ovale della Casa Bianca con Donald Trump. Il Capo del Quirinale ha ricordato che l’Organizzazione mondiale per il commercio (OMC), dopo essersi pronunciata a favore degli Stati Uniti sugli aiuti europei a Airbus, potrebbe presto farlo a favore dell’Ue. Traduzione: vediamo di raggiungere un accordo ed evitiamo di farci del male.

“Visto che Trump ha parlato con molta cortesia della questione dei dazi conseguenti alla vicenda dei finanziamenti europei all’Airbus, tema del quale parleremo, io mi auguro – ha dichiarato Mattarella – che sia possibile, come ritengo, trovare un metodo di confronto collaborativo. Per evitare uno scambio di provvedimenti ritorsivi tra le due parti”. A buon intenditore.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’esortazione del presidente Mattarella all’inquilino della Casa Bianca

Le parole di Sergio Mattarella sono suonate come un promemoria della necessità di una proficua collaborazione tra le due sponde dell’Atlantico per il bene di tutti. “A me sembra – ha detto il presidente della Repubblica – che sia preferibile nello spirito transatlantico incontrarsi e confrontare posizioni, trovare insieme una soluzione che tenga conto delle reciproche esigenze e delle ragioni”. “L’alternativa – ha rimarcato – è imporre dazi che porterebbero reazioni per poi trovarci tra qualche mese ai provvedimenti Wto sui finanziamenti alla Boeing. Questo rischia di metterci su una strada che poi renderà indispensabile un punto d’incontro e un’intesa. Quindi tanto vale cercarla subito”. Resta ora da vedere se Trump recepirà il messaggio.

EDS