Home News Pensioni novità Quota 103: cos’è, come funziona e qual è l’età pensionabile

Pensioni novità Quota 103: cos’è, come funziona e qual è l’età pensionabile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:56
CONDIVIDI

PensioniPensioni: Brambilla, esperto di previdenza, sostiene che si potrebbe lanciare una Quota 103 per evitare che dal 2022 si torni alla Fornero.

Sino a ieri il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha rassicurato i lavoratori che la Quota 100 non verrà toccata prima della sua conclusione. Come sappiamo, infatti, la riforma era sperimentale e già dall’inizio prevedeva una fine entro il dicembre del 2021. Sappiamo anche che i costi della riforma spingono l’attuale governo a non rinnovarla ed a cercare una diversa soluzione per non tornare alle soglie di pensionamento previste dalla Legge Fornero.

Per assorbire i costi della Quota 100 a partire dalla prossima legge di Bilancio, inoltre, il governo sta valutando la possibilità di ampliare le finestre d’accesso alla Quota 100. La proposta è quella di aumentare di 3 mesi il tempo d’attesa per la ricezione dell’assegno pensionistico. Le attuali finestre prevedono un’attesa di 3 mesi per i lavoratori privati e di 6 mesi per quelli pubblici.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Pensioni: Quota 103 potrebbe evitare il ritorno alla Fornero

Allo stato attuale delle cose, dal 2022 i lavoratori che maturano i requisiti per andare in pensione con Quota 100 si dovranno rassegnare a lavorare 5 anni in più. Tornando alle soglie previste dalla Fornero, infatti, dovranno raggiungere i 67 anni e 2 mesi prima di poter finalmente richiedere il pensionamento. Come fare ad evitare questo slittamento? Una proposta è giunta dall’esperto di previdenza Alberto Brambilla, già consigliere di Palazzo Chigi.

Questo propone una piccola modifica della riforma voluta dal precedente governo, una quota 103. L’esperto ne ha spiegato il funzionamento in un’intervista rilasciata al ‘Corriere della Sera’: “Si potrebbe lasciare il lavoro a 64 anni avendo almeno 39 anni di contributi. Oppure se si sono raggiunti 42 anni e mezzo di contributi (un anno in meno per le donne) indipendentemente dall’età”.