Elena Santarelli in terapia dopo il tumore del figlio: “Ho avuto un crollo”

Elena Santarelli rivela di essere entrata in terapia per elaborare un grande dolore vissuto in prima persona: ecco le sue parole.

Una corda tirata troppo a lungo prima o poi si spezza. E’ quanto successo, per dirla senza tanti giri di parole, anche ad Elena Santarelli. In un’interessante intervista sull’ultimo numero del settimanale F, la nota showgirl è tornata a parlare del tumore del figlio. Un evento tragico che stravolto la vita della sua famiglia e che, sebbene la malattia sia stata sconfitta, fa sentire tutto il suo peso di dolore, preoccupazione a angoscia.

Elena Santarelli, pur essendosi sempre mostrata agli altri come una “Wonder Woman”, ammette di avere ferite ancora profonde da rimarginare. E proprio per elaborare il grande trauma che ha scombussolato la sua esistenza ha sentito il bisogno di entrare in terapia: “Non mi vergogno a dirlo… Ho avuto un crollo e quindi sto seguendo una terapia psicologica… Si chiama ‘Emdr’ e si basa sul movimento degli occhi tra la psicoterapeuta e il paziente per elaborare il dolore…”. Una terapia che, racconta la Santarelli, ha molto aiutato anche suo figlio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La confessione a cuore aperto di Elena Santarelli

La vita di Elena Santarelli sta pian piano tornando alla normalità, ma è ancora presto per voltare definitivamente pagina e iniziare a scrivere un nuovo capitolo (e gli attacchi degli haters non sono certo di aiuto..). A chi le chiede se desideri allargare la sua famiglia, la showgirl risponde senza esitazioni di no, spiegando le sue ragioni: “Al momento sarebbe veramente rischioso per me, devo prima riprendermi, recuperare me stessa…”. Insomma, di un altro figlio, almeno per il momento, non si parla.

Elena Santarelli si è inoltre soffermata su un retroscena che ha scritto nero su bianco solo nel suo libro Una mamma lo sa: solo nove giorni dopo la terribile diagnosi della malattia di suo figlio, si è sottoposta a una biopsia perché il medico aveva trovato del tessuto sull’anca: “Mi fecero una biopsia per capire se si trattava di una massa benigna o maligna…Se avessi dovuto fare il percorso di Giacomo non avrei avuto la sua forza e il suo coraggio…”. Fortunatamente, nei successivi accertamenti non è stato riscontrato nulla di grave.

EDS