Siria, la Turchia conquista villaggi curdi: intervengono le truppe di Assad

Siria, la Turchia conquista villaggi curdi: intervengono le truppe di Bashar Al Assad, ma l’accordo farà perdere l’autonomia alla popolazione.

(Burak Kara/Getty Images)

Le truppe siriane hanno iniziato a rastrellare i territori curdi, dove le truppe sono in rotta di collisione con le forze turche e i loro alleati. Appena ieri, i curdi assediati avevano accettato di consegnare le città chiave a Damasco in cambio di protezione. L’accordo, che i leader curdi hanno sottolineato di aver fatto con riluttanza dopo quattro giorni di bombardamenti da parte dell’artiglieria e dei jet turchi, minaccia di aprire un nuovo fronte nella guerra civile di quasi nove anni.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I combattimenti in Siria nei villaggi curdi

Molteplici rapporti non confermati affermano che i soldati siriani erano già entrati nella città curda di Manbij, in linea con l’accordo di domenica. Lunedì mattina, il presidente della Turchia Erdogan ha segnalato che i gruppi della milizia siriana alleati del suo paese si stavano preparando per tentare di catturare la città. Rapporti non confermati hanno riferito che le truppe dell’esercito siriano si sono scontrate durante la notte con combattenti curdi nella città di Qamishli. Qui le milizie non hanno ceduto all’accordo con Damasco.

Nel frattempo, i combattenti turchi e i loro alleati continuavano ad attaccare Tel Abyad e Ras al-Ayn, due città che sono state al centro della missione di Ankara di spingere i combattenti curdi – che considera terroristi – lontano dal confine meridionale. L’obiettivo è quello di creare una zona cuscinetto, dove dar vita a un campo profughi da un milione di persone. In una dichiarazione l’Unione europea ha dichiarato di aver condannato all’unanimità l’offensiva della Turchia e ha chiesto a tutti gli Stati membri di smettere di vendere armi ad Ankara.

Le conseguenze dell’intervento dell’esercito di Assad

I media statali siriani hanno detto lunedì che unità dell’esercito del presidente Bashar al-Assad si stavano spostando a nord per “affrontare l’aggressione turca sul territorio siriano”. Secondo rapporti non confermati, l’accordo tra i curdi e il regime sarebbe stato esteso per essere applicato all’intera Siria nord-orientale. “Dopo tutto, sembra che il destino del popolo curdo sia quello di essere abbandonato al proprio destino”, ha detto alla televisione locale Ismat Sheikh Hassan, capo del consiglio militare di Kobane.

Quindi ha aggiunto: “Abbiamo fatto tutto il possibile, abbiamo invitato la comunità internazionale … ma non ha prodotto una soluzione”. È probabile che l’accordo porterà fine a cinque anni di semi-autonomia per i gruppi curdi nella Siria nord-orientale. L’operazione turca Peace Spring è iniziata mercoledì dopo che Donald Trump ha annunciato che le forze statunitensi si sarebbero ritirate dalla regione.

La Posizione degli Usa nel conflitto tra Turchia e curdi in Siria

Trump non aveva specificato un lasso di tempo per il ritiro degli Stati Uniti dalla Siria. Ma domenica il segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Mark Esper, ha detto che alle restanti 1.000 forze speciali era stato ordinato di partire “nel modo più sicuro e rapido possibile”. Questo perché ora i combattimenti minacciano direttamente le truppe statunitensi. La SDF è stata finanziata e addestrata dagli Stati Uniti per combattere l’Isis dal 2015, lasciando sul campo 11mila vittime dei combattimenti.

Ma la Turchia, tuttavia, afferma che la più grande unità dell’SDF, l’YPG curdo, è un gruppo terroristico indistinguibile dal partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK). La decisione di Trump di abbandonare la SDF a un inevitabile assalto turco è stata ampiamente criticata, anche dai suoi più stretti alleati. Molte sono poi le voci di protesta che si sono sollevate negli stessi Usa. Diversi i sit-in addirittura di fronte alla Casa Bianca.