Ginevra Piscitelli, chi è: età e vita privata della figlia di Diabolik

Ginevra Piscitelli era la figlia del fu capo ultras Diabolik, assassinato con un proiettile alla nuca il sette agosto scorso, che ha deciso dopo mesi di dire la verità su suo padre. Scopriamo le sue rivelazioni.

Ginevra Piscitelli ha deciso parlare, di rompere il muro di silenzio e congetture che si era creato intorno alla figura di suo padre, il capo ultras Fabrizio Piscitelli, meglio noto come Diabolik. La giovane romana risponderà ad alcune domande a Non è l’arena, in onda su La7. Ecco come esordisce alle domande del suo intervistatore.

“Ci eravamo scambiati dei messaggi poco prima che l’uccidessero, nessuno di noi pensava a qualcosa del genere. Ma nei giorni dopo la sua morte ho avuto paura

Ginevra Piscitelli, l’assassinio del padre e l’intervista a La7

Ma di cosa parla Ginevra quando intende qualcosa del genere? Per rispondere a questa domanda bisogna tornare indietro di alcuni anni, per la precisione quattro. Fabrizio Piscitelli viene arrestato e condannato a quattro anni di carcere per questioni legate al traffico di stupefacenti. Alcuni vociferano di un possibile coinvolgimento in clan mafiosi, ma rimangono solo voci di corridoio. La famiglia vive così la distanza del padre e la sua grazia, quando viene rilasciato e torna nuovamente libero. Così parla la figlia Ginevra delle varie ipotesi intorno all’incriminazione del padre:

La cosa che mi ha pesato più di tutto è che quasi il mio dolore non fosse legittimo… perché le notizie che sono uscite lo descrivono come un boss e quindi è come se io e la mia famiglia dovessimo aspettarci una cosa del genere. Mio padre fu condannato a quattro anni di carcere ma oggi era libero: non era un boss mafioso, non ci vuole molto a capire che con quattro anni non puoi essere associato a niente”.

Fabrizio Piscitelli è seduto sopra una panchina di parco Acquedotti quando avviene il misfatto: un uomo sbuca alle sue spalle e lo fredda con un colpo a bruciapelo alla nuca. È il 7 agosto quando Ginevra Piscitelli perde per sempre il padre. Pare che l’ipotesi più accreditata riguardo al suo assassinio sia ricollegabile ad una generosa richiesta da parte di Diabolik, punita con la morte.