Malattia di Lyme, nuovo test: la diagnosi in 15 minuti

Malattia di Lyme, nuovo test con risultati pronti e immediati: la diagnosi in 15 minuti, non sarà necessario ricorrere ai laboratori.

(foto pubblico dominio)

Circa 300mila persone solo negli Stati Uniti contraggono la malattia di Lyme ogni anno. Causata da Borrelia burgdorferi, è trasmessa dal morso di zecche infette di Ixodes. La malattia se non trattata può causare gravi complicazioni neurologiche, cardiache e / o reumatologiche. Fino a oggi ci voleva qualche ora per arrivare a una diagnosi certa. Tra i personaggi famosi che hanno avuto a che fare con la malattia di Lyme, ci sono Victoria Cabello in Italia e la cantante Avril Lavigne.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I nuovi risultati dei test per la malattia di Lyme

Un team guidato da Sam Sia, professore di ingegneria biomedica presso la Columbia Engineering, ha sviluppato un rapido test microfluidico in grado di rilevare la malattia di Lyme in 15 minuti. Lo rivela Science Daily. “I nostri risultati sono i primi a dimostrare che la diagnosi della malattia di Lyme può essere effettuata in un formato microfluidico in grado di fornire risultati quantitativi rapidi”, afferma Sia, il cui laboratorio si concentra sull’uso della microfluidica per costruire dispositivi integrati a basso costo per eseguire sofisticate cure mediche e test.

Sia dunque svela un grandissimo cambiamento. Ha infatti evidenziato: “Ciò significa che il nostro test potrebbe essere facilmente utilizzato direttamente in uno studio medico”. Questo eviterebbe “di dover inviare i campioni a un laboratorio che ha bisogno di almeno un paio d’ore, se non giorni, per ottenere i risultati dei test”. Il gruppo di Sia ha lavorato in collaborazione con Maria Gomes-Solecki di Immuno Technologies. Il laboratorio ha trovato una combinazione di tre proteine ​​che hanno identificato gli anticorpi specifici del batterio B. burgdorferi nel siero. Inoltre, OPKO Health ha fornito cassette microfluidiche. I loro risultati sono stati pubblicati oggi sul Journal of Clinical Microbiology.