Home News Lucia Ocone, chi è l’attrice comica romana: età, carriera e vita privata

Lucia Ocone, chi è l’attrice comica romana: età, carriera e vita privata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:07
CONDIVIDI

Lucia Ocone, chi è l’attrice comica romana: età, carriera e vita privata: ecco tutte le curiosità sulla vita privata e professionale.

Lucia Ocone
Screenshot video

Lucia Ocone nasce ad Albano Laziale il 3 maggio 1974. Inizia a frequentare il seminario di recitazione metodo Stanislavskij, tenuto da Francesca De Sapio. Poi passa ai corsi presso la scuola di Beatrice Bracco, infine il seminario intensivo di recitazione con Lucilla Lupaioli. Il suo esordio in TV arriva ad inizio anni Novanta in Bulli e pupe, spin-off estivo del programma Non è la Rai di Gianni Boncompagni, raggiungendo la serata finale nella competizione relativa alla danza. Interpreta diversi personaggi come la parrucchiera Deborah Tacchia o la maga Lucia in due edizioni di Non è la Rai. Poi, sempre con Boncompagni partecipa al programma satirico Macao nel 1997. Successivamente entra a far parte della famiglia della Gialappa’s Band: nel 2002 in Mai dire domenica; nel 2003/2004 in Mai dire Grande Fratello e nel 2005 in Mai dire lunedì. Poi partecipa al film di Nessundorma, di e con Paola Cortellesi esibendosi successivamente anche in teatro con il Mio Sangue, L’iradiddio e Yard Gal di Furio Andreotti; Disco Pigs di Nuccio Siano. Lucia Ocone su Rai 1 è stata nel cast delle serie TV Lo zio d’America, Le ragioni del cuore, La omicidi, Una famiglia in giallo e Il commissario Manara. Entra a far parte del cast di Quelli che il calcio, programma condotto da Simona Ventura su Rai 2.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Lucia Ocone: vita privata dell’attrice e comica italiana

L’attrice italiana non si è mai sposata e non ha avuto figli. In una vecchia intervista Lucia Ocone a Vanity Fair ha svelato la sua vita sentimentale: “Perché una donna che a quarant’anni non ha una famiglia deve essere considerata una fallita? È una cultura primitiva quella che considera il valore di una donna solo in quanto moglie e madre. Conosco un sacco di coetanee che, come me, non hanno marito né figli, ma si sentono felici e realizzate lo stesso”. Infine, ha aggiunto: “Se una donna è arrivata a quarant’anni sola, una ragione c’è sempre. Può essere stata una libera scelta, ma anche non aver fatto l’incontro giusto. Ci sono anche tante donne che i figli non li possono avere e per le quali quella domanda è una vera coltellata. La gente dovrebbe pensare prima di parlare”.