Home News Professore si assenta da lavoro per un tumore, ma i certificati medici...

Professore si assenta da lavoro per un tumore, ma i certificati medici erano falsi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:38
CONDIVIDI

Certificati medici falsiUn professore di sostegno calabrese si è assentato per un anno da lavoro a causa per curarsi da un tumore, ma i certificati medici erano falsi.

Un professore di sostegno residente a Reggio Calabria è stato accusato di truffa allo stato per aver falsificato dei certificati medici ed aver percepito lo stipendio senza mai lavorare. Il docente aveva ottenuto un posto di lavoro a Lonigo (Vicenza) a settembre 2018. Avrebbe dovuto prendere servizio all’interno dell’istituto superiore a partire dal mese successivo, ma di fatto non si è mai presentato. Prima che potesse cominciare, però, ha presentato un certificato medico che attestava una patologia tumorale grave che necessitava una terapia salvavita.

Per tutto il periodo del contratto (il docente era stato assunto a tempo determinato sino a giugno 2019), il certificato madre, apparentemente proveniente da un ospedale di Reggio Calabria, ha funto da base per la truffa. Sulla base del quadro clinico presentato  i successivi medici hanno prodotto e trasmesso dei certificati medici che esentavano il docente dal lavoro.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Professore assenteista produce certificati medici falsi, accusato di frode allo Stato

Sullo stato di salute e sulla situazione contrattuale del professore ha indagato il Comando Provinciale dei finanzieri della città calabra. Nel corso delle indagini sarebbe risultato che l’uomo non è affetto da alcuna patologia e che quel primo certificato sarebbe dunque un falso. L’uomo è stato quindi accusato di frode allo stato e tutti gli stipendi percepiti dall’inizio dell’anno sono stati congelati fino alla fine delle indagini. I finanzieri verificheranno le accuse ai danni dell’uomo ed il possibile coinvolgimento di un medico nella truffa.

Leggi anche ->Truffa telefonica, non richiamate i numeri con questo prefisso: vi prosciugano il credito