Home News Poliziotti uccisi Trieste, l’omaggio di Alan Sorrenti: “Per sempre figli delle stelle”...

Poliziotti uccisi Trieste, l’omaggio di Alan Sorrenti: “Per sempre figli delle stelle” – FOTO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:34
CONDIVIDI
Poliziotti uccisi Trieste
Fiori Alan Sorrenti poliziotti uccisi Trieste FOTO screenshot

Per i due poliziotti uccisi a Trieste, Alan Sorrenti ha voluto fare una dedica speciale. “Sarete per sempre figli delle stelle”.

Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, i due poliziotti uccisi a Trieste nel corso di una sparatoria improvvisa una settimana fa, hanno ricevuto un omaggio speciale. A tributare loro un ricordo profondo è stato infatti il cantante Alan Sorrenti, che ha fatto recapitare tanti fiori alla Questura della città giuliana. Proprio lì, nell’edificio cittadino, gli agenti originari rispettivamente di Velletri ed i Pozzuoli, hanno perso la vita. Sorrenti ha allegato anche un biglietto. “Sarete sempre figli delle stelle”. Una frase scelta non a caso, in quanto i due poliziotti uccisi a Trieste erano soliti girare dei video durante le loro ronde di ispezione notturne. E con sottofondo proprio con ‘Figli delle Stelle’, il brano di Alan Sorrenti del 1997. In un breve filmato postato dalla Polizia di Stato sul suo profilo Twitter ufficiale viene mostrato proprio questo. “Dormite sonni tranquilli, c’è la volante 2”. Con l’inconfondibile attacco iniziale del brano di Alan Sorrenti.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Poliziotti uccisi Trieste, fiori dal cantante Alan Sorrenti

Il cantante ha fatto recapitare dei fiori bianchi, gialli e viola, lasciati sotto al famedio che omaggia altri agenti di polizia. Tutto attorno vi sono tanti omaggi floreali lasciati in questi giorni dai cittadini. Intanto resta in carcere il loro assassino, il 29enne Alejandro Meran. Il giovane di origini dominicane ha confidato al suo avvocato di leggere la Bibbia tutto il giorno in cella, e di amare sua mamma. Il legale a sua volta ha espresso chiaramente quale sarà la strategia da perseguire al processo che vedrà Meran imputato per l’assalto armato in cui ha fatto morti e feriti. “È chiaramente una persona confusa che non sta bene, va curato subito per i suoi problemi psichici”.