Vieni da Me: Chiara Ferragni mandata a quel paese, la reazione della Balivo

0
6

Vieni da Me, vaffa a Chiara FerragniDurante l’ultima puntata di ‘Vieni da me’ l’ospite in studio ha mandato a quel paese Chiara Ferragni, Caterina Balivo è diventata viola dall’imbarazzo.

Nella puntata di ieri di ‘Vieni da Me’ ospiti nello studio di Caterina Balivo c’erano quattro attrici: Patrizia Pellegrino, Matilde Brandi, Samantha Togni e Federica Cifola. Le quattro sono protagoniste di uno spettacolo teatrale intitolato ‘Ricette d’amore’ che andrà in scena a partire dal 31 ottobre al Teatro Manzoni di Roma. La loro presenza in studio, dunque, era finalizzata a pubblicizzare la commedia, ma prima che si parlasse dello spettacolo c’è stato tempo per un racconto.

Protagonista del racconto era Matilde Brandi, la quale ha voluto narrare alla conduttrice il suo ultimo (forse anche primo) incontro con Chiara Ferragni durante la kermesse del Cinema di Venezia. Sappiamo infatti che l’influencer in quella occasione ha presentato il documentario sulla sua vita.

Matilde Brandi ed il “Vaffa” a Chiara Ferragni

L’attrice spiega di essere andata da lei per chiederle una foto ricordo da portare alle figlie: “Sono andata alla prima del suo film e c’era anche lei. Credo non sapesse neanche chi fossi. Le mie figlie al telefono mi hanno chiesto insistentemente una foto con lei e così alla fine sono andata”. La Brandi ha quindi cercato di presentarsi con ironia, ma Chiara, forse confusa da tutta l’attenzione ricevuta in quella occasione, non ha capito cosa le stava dicendo: “Le ho detto ‘Prima le foto le chiedevano a me, adesso io la chiedo a te’. E lei mi fa ‘Prego’. Ma vaffa…”.

La colorita espressione utilizzata dall’ospite ha fatto trasalire Caterina Balivo che in un istante ha cambiato colore in volto ed è stata incapace di proferire parola. Compreso l’imbarazzo della conduttrice Matilde Brandi stempera la tensione e chiarisce: “Si scherza”. Ma Caterina non indugia oltre sull’argomento e coglie l’occasione per cambiare completamente discorso.