Sara Tommasi, la tremenda confessione: “Ho rischiato la morte” – VIDEO

Sara Tommasi, la tremenda confessione: “Ho rischiato la morte”, ha raccontato, parlando del suo passato e della sua storia personale.

Si torna a parlare di Sara Tommasi e del suo passato controverso: qualche mese fa, la showgirl aveva fatto discutere per alcune notizie sul suo privato. Si parlava infatti di una presunta gravidanza. Nello stesso tempo, era emerso un fidanzato ‘segreto’. Una nuova vita che non ha convinto molti e c’è chi ha tirato fuori il caso Pamela Prati, sostenendo che anche la showgirl con un passato complicato si sarebbe inventata tutto. Sul sito di gossip Dagospia si era parlato addirittura di “caltagironata”. Poi la conferma dell’esistenza di Angelo Guidarelli. Sarebbe un suo concittadino, militante di CasaPound, organizzazione di estrema destra, tifoso interista e apparentemente molto vicino ad associazioni animaliste.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il passato e l’appello a Barbara D’Urso

Su Sara Tommasi era calato di nuovo il silenzio, finché nelle scorse ore non sono emerse alcune sue dichiarazioni, rilanciate da Dagospia, in cui sostiene di “aver rischiato di morire”. La showgirl racconta: “Ho passato anni veramente terribili, tante cose le ho rimosse, scappavo di casa, vagavo senza una meta, non riuscivo a volermi bene, mi davo a tutti e tante persone ne approfittavano di me e mi facevano fare qualsiasi cosa perché nelle condizioni in cui ero non ero in grado di distinguere il bene dal male e quindi non sapevo dire no! Soffrivo di bipolarismo e stavo ancora peggio perché la patologia veniva accentuata dall’uso di droghe, alcol e psicofarmaci”. Quindi chiede a Barbara D’Urso di essere ospitata in un suo programma per raccontarsi senza filtri. Infine Sara Tommasi sottolinea: “Vorrei lavorare solo per una mia gratificazione personale e perché mi manca molto il contatto con i miei fans, per strada la gente mi ferma e mi ama, vorrei tornare a fare il mio lavoro di showgirl, non chiedo altro!”.