Home News Reddito di cittadinanza: a rischio il pagamento di ottobre? Cosa bisogna fare

Reddito di cittadinanza: a rischio il pagamento di ottobre? Cosa bisogna fare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:30
CONDIVIDI

Reddito di cittadinanza Si attende il reddito di cittadinanza del mese di ottobre. Potrebbe essere a rischio?  Si, per chi non effettua l’integrazione della domanda entro il 21 ottobre 2019

Reddito di cittadinanza a rischio per chi non effettua l’integrazione della domanda entro il 21 ottobre 2019, questo quanto detto dall’Inps. I beneficiati del reddito e pensione di cittadinanza che hanno presentato la domanda nel corso del mese di marzo, devono procedere entro il 21 ottobre ad integrare il modello di domanda, in quanto i modelli sono stati in seguito aggiornati.
( sito web ufficiale).

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I termini delle domande

Per ottenere la ricarica della tessera, la cittadinanza interessata deve avere il parametro di valutazione in base alla data di presentazione della domanda.

  • Marzo: il pagamento tra il 24 e il 28 ottobre
  • Aprile; tra il 24 e 28 ottobre
  • Giugno: tra il 24 ed il 28 ottobre 201
  • Luglio: la terza ricarica avviene tra il 24 e il 28 ottobre 2019.
  • Agosto: ricarica avviene il 24 ed il pagamento il 28 ottobre
  • Settembre: il 28 ottobre
  • Ottobre: l’elaborazione e le relative disposizioni di pagamento vengono inviate a partire dal 15 novembre a Poste che ne curerà poi la distribuzione delle card con già accreditata la somma spettante di RdC

Reddito di cittadinanza, la prima ricarica di ottobre

Per quanto riguarda il mese di ottobre, il primo accredito arriverà sulla carta della cittadinanza a chi ha presentato la domanda al 30 settembre 2019. Per sapere se l’esito della domanda è andato a buon fine, sappiate che la conferma arriverà attraverso una comunicazione ufficiale INPS tramite sms o mail a partire dal 15° giorno del mese successivo a quello di presentazione della richiesta. In questa si potranno leggere gli esiti della prima tranche di domande e conterrà anche l’invito di Poste Italiane a ritirare la carta.