Home News Legge di Bilancio 2020: di cosa si tratta e cosa prevede

Legge di Bilancio 2020: di cosa si tratta e cosa prevede

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:18
CONDIVIDI
Crisi di Governo, dove seguire gli sviluppi in diretta
(Getty Images)

Legge di Bilancio, cos’è e cosa prevede per l’anno 2020. Quelle che saranno le possibili nuove condizioni del documento approvato dal Parlamento. 

Parlamento italiano, su proposta del Governo, ogni anno approva una manovra finanziaria che prevede da una parte la legge di bilancio e dall’altra la legge di stabilità. Allo stato attuale, entrambe le leggi sono ricomprese in un unico provvedimento, ovvero la Legge di Bilancio. L’obiettivo della fusione delle due normative sarebbe stato quello di incentrare la decisione di bilancio sull’insieme delle entrate e delle spese pubbliche anziché sulla loro variazione al margine. La legge di bilancio è articolata in due sezioni. Una sezione “normativa” che contiene le misure quantitative funzionali a realizzare gli
obiettivi di finanza pubblica, ed una sezione “contabile” che contiene la previsione delle entrate e delle spese del bilancio dello Stato.

Analizzando la legge di Bilancio creata da M5s e Pd, cercheremo di chiarire quelle che sono le condizioni per quanto concerne: risorse finanziarie stanziate per il 2020; quali sono tutte le misure che saranno inserite nel testo del disegno di legge; cosa prevede la Manovra 2020 per le imprese e le famiglie; quali sono le principali novità sull’aumento dell’Iva; cosa c’è da sapere sulla pensione anticipata quota 100 e la riforma delle pensioni 2020.

Legge di Bilancio, le condizioni nel testo unico

Andiamo a vedere quali sono le risorse finanziarie stanziate per il 2020 nella Legge di Bilancio. Oltre 23,1 miliardi servono per bloccare l’aumento dell’IVA; 4-5 miliardi di spese indifferibili; taglio del cuneo fiscale servono circa 5-6 miliardi di euro; salario minimo.
Il governo punta ad ottenere una flessibilità dello 0.4% – 0.5% punti PIL dalla Commissione Europea, percentuali da sommare allo 0,18% per interventi di dissesto idrogeologico e il Ponte Morandi di Genova.

In termini di euro e non di percentuali, si tratta di 10-12 miliardi di euro da utilizzare per il salario minimo, cuneo fiscale e assegno unico familiare, ed altri interventi. A proposito di detrazioni, non viene tralasciata l’Irpef al 50% sugli interventi agli immobili come per lavori di ristrutturazione edilizia, il bonus mobili, la detrazione Irpef o
Ires al 65% per lavori di efficientamento.

Legge di Biancio, dall’Iva alle pensioni in quota 100

  • Blocco aumento IVA 2020: Le
    risorse che servono per impedire che scattino
    le clausole di salvaguardia sono pari a 23,1
    miliardi di euro pericolo scampato stando a quanto dichiarato l’attuale Governo.
  • Reddito di cittadinanza: Tutto come lo scorso anno. Resta L’importo dei 780 Euro netti al mese per chi è disoccupato, inoccupato ed integrazione per chi ha un reddito da lavoro al di sotto della suddetta soglia. Potrebbero sopraggiungere modifiche in termini di sanzioni per chi manca alla convocazione e alle iniziative del CPI.
  • Taglio del cuneo fiscale a totale vantaggio dei lavoratori: Questa sarebbe la Manovra prioritaria del Conte bis, ovvero riconoscere ai lavoratori dipendenti maggiore stipendio in busta paga con riduzione delle tasse. Un bonus di 1500 euro cuneo fiscale coinvolgerebbe anche incapienti e redditi
    superiori ai 26.600 euro e fino a 56.000 euro.
  •  Salario minimo: M5s: il salario minimo non può scendere al di sotto dei 9 euro l’ora.
  • Flat tax partite Iva 2020: dal 2019 è entrata in vigore la nuova tassazione forfettaria per i titolari di partita IVA con
    ricavi fino a 65.000 euro. Unica aliquota al 15% e deduzioni forfettarie mentre dal 2020, ai ricavi tra 65.001 e 100.000 euro si sarebbe dovuta applicare la flat tax al 20%. Si potrebbe procedere con la riconferma della sola aliquota al 15% oppure approvarne una ulteriore al 320 oppure addirittura si potrebbe cancellare la Flat Tax.
  • Abolizione del Super ticket sanitario e
    riforma ticket in base al reddito.
  • Giusto compenso per i lavoratori non
    dipendenti.
  • Parità di genere nelle retribuzioni tra uomo e donna.
  • Sostegno all’imprenditoria femminile.
  • Conciliazione lavoro famiglia e
    congedo di paternità obbligatorio.
  • Welfare
  • Green new deal, ossia il tema
    dell’ambiente al centro di politiche pubbliche,
    investimenti, governance delle imprese e
    innovazione con l’introduzione del nuovo bonus
    rottamazione auto 2020 da 1500 euro per chi
    rottama un’auto almeno Euro 04 e risiede in
    una delle Città metropolitane delle zone più
    inquinate, interessate dalla procedure
    d’infrazione Ue.
  • Favorire i pagamenti elettronici attraverso la riduzione dei costi per le transazioni.
  • Riforma fiscale basata su semplificazioni, rimodulazione aliquote IRPEF
  • Crescita del Sud, attraverso gli investimenti.
  • Innovazione e digitalizzazione della PA
  • Pensioni e Quota 100; possibili della modifiche oppure non rinnovarla allo scadere dei 3 anni di sperimentazione, o cancellarla a fine 2020.
  • Pensione di cittadinanza: tutte le pensioni minime, assegni sociali e di invalidità civile.
  • Pensione di garanzia: è una misura atta a garantire una pensione con assegno minimo.

Il Conte Bis si ripropone un passo in avanti anche in tema di evasione fiscale con sconti bonus e carta unica.

LEGGI ANCHE—>Governo Conte bis, Paragone cambia idea: “Rispetto la volontà di votanti”