Home News Bambina malata di leucemia, i ladri le rubano i giocattoli – FOTO

Bambina malata di leucemia, i ladri le rubano i giocattoli – FOTO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:20
CONDIVIDI
bambina leucemia elisa
La bambina con la leucemia alla quale hanno rubato i giocattoli FOTO viagginews

La bambina malata di leucemia si è vista sottrarre i suoi giocattoli dai ladri. Lei si chiama Elisa e ha 5 anni, il papà ha trovato l’auto così.

Elisa è una bambina malata alla quale dei ladri senza cuore hanno tolto i giocattoli. Il fatto è avvenuto a Roma, con l’auto del suo papà ritrovata col finestrino in frantumi. Dentro c’erano i giochi di questa tenera bimba di soli 5 anni, che da tempo sta lottando contro un male enorme. La malattia che l’ha colpita è la leucemia, con la terribile diagnosi emersa nel 2016. La bambina malata è originaria di Pordenone, come la sua famiglia. Si trova nella Capitale perché in lista d’attesa per un necessario intervento chirurgico. L’operazione riguarda un trapianto di midollo osseo. Il papà Fabio, che aveva lasciato la propria vettura parcheggiata in strada, mai avrebbe potuto immaginare che qualcuno senza cuore potesse sfondargli il finestrino per rubare i giocattoli di sua figlia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Bambina malata, l’appello del papà su Facebook

L’uomo ha scritto su Facebook quanto segue. “Grazie, grazie infinite alle carissime persone che questa notte a Roma (6 ottobre) mi hanno sfasciato il vetro dell’auto rubando i GIOCATTOLI di ELISA. La bimba di 5 anni che lotta tra la vita e la morte dal 2016 con una leucemia gravissima (lo so, i ladri questo non lo potevano sapere). Per cortesia, vi chiedo di condividere il più possibile questo post nella speranza non di recuperare qualcosa. Ma perché l’autore almeno sappia a chi ha fatto il danno. E forse si metterà una mano sulla coscienza. Non è il valore economico, ma quello strettamente affettivo e simbolico. P.S. All’attenzione dei SIGNORI ladri…SE VI CAPITA DI VEDERE UN GIOCATTOLO DENTRO UNA MACCHINA RICORDATEVI CHE POTREBBERO ESSERE DI UN BAMBINO AMMALATO”.