Diagnosticano un tumore incurabile al figlio di 8 anni: “Il mondo è crollato”

diagnosticano al figlio un tumore incurabileDopo aver accusato un malore una mamma porta il figlio di 8 anni in ospedale e scopre che è affetto da un tumore al cervello incurabile.

La drammatica storia della famiglia Morrison, di Cheshunt (Hertfordshire), è stata raccontata in esclusiva al ‘Mirror‘ da Victoria, la mamma del piccolo Kyle. La loro tragedia inizia l’11 settembre, poco dopo che la donna ha accompagnato il figlio di 8 anni alla Andrews Lanes Primary School. Passate un paio d’ore di lezione, infatti, la scuola la chiama e gli dice che il figlio ha accusato un malore e che necessita di una visita in ospedale. Victoria si precipita all’istituto e comprende che la situazione è grave: il figlio ha tutto il lato destro della faccia contratto e si pensa possa aver avuto un ictus.

Il bambino dice alla mamma che sta bene e vorrebbe tornare a casa, ma Victoria è sicura che sia successo qualcosa e lo porta immediatamente al Lister Hospital. Il medico che visita il piccolo Kyle concorda con la donna e, nonostante il bambino non provi alcun dolore, decide di ricoverarlo e di sottoporlo a diversi esami. Il giorno successivo arrivano i test degli esami ed il mondo di Kyle e Victoria viene sconvolto: il bambino è affetto da Dimp, un raro tumore al cervello al quale non è sopravvissuto nessuno.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il figlio di 8 anni ha un tumore incurabile, la madre vuole regalargli un ultimo natale perfetto

Il medico spiega alla donna che il glioma pontino intrinseco diffuso è un tumore che si sviluppa nella parte del cervello collegata al midollo spinale. Quindi le comunica che tutti coloro che ne sono stati affetti in passato non sono sopravvissuti. L’aspettativa di vita del piccolo Kyle, dunque, si attesta tra i 3 mesi ed un anno. Victoria ed il marito si sono rivolti a diversi medici per avere parare differenti, ma la diagnosi e la conclusione è stata sempre la stessa.

Nonostante le scarse probabilità di una guarigione, Kyle ha cominciato la chemioterapia, una terapia che la madre non sa se è il caso che continui. Parlando con il ‘Mirror’ la donna ha infatti spiegato: “Ciò che ho visto è solamente una luce rossa che faceva sali e scendi sul suo corpo e lui che urlava con la maschera indosso”. Da qui i dubbi sull’utilità di tutto questo, dato che le speranze di sopravvivere sono dello 0%: “Mi sono chiesta ‘Per quale diavolo di ragione devo sottoporti a questo? Per poter stare qualche altro mese con te? E’ puro egoismo?”. In queste settimane Victoria ha aperto una pagina crowfunding per permettere al figlio di passare il suo ultimo Natale con il padre che sta in Lapponia. In poco tempo la donna ha già raccolto 9.000 sterline.