Home News Daniele Bocciolini: chi è l’avvocato penalista delle trasmissioni Rai

Daniele Bocciolini: chi è l’avvocato penalista delle trasmissioni Rai

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:31
CONDIVIDI

Daniele Bocciolini: chi è l’avvocato penalista, che è chiamato come esperto in alcune delle più note trasmissioni Rai, la sua carriera.

(screenshot video)

Classe 1982, romano, Daniele Bocciolini è un avvocato penalista che esercita la sua professione dal 2009. Tra i processi più importanti a cui ha presenziato c’è quello per il Naufragio della Costa Concordia. Nel processo, fu avvocato di parte civile delle vittime. Queste richiedevano giustizia e un risarcimento da parte del Comandante Francesco Schettino. Ma nella sua giovane carriera, più volte si è trovato a difendere personaggi famosi.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è l’avvocato Daniele Bocciolini: carriera e vita televisiva

Tra gli altri, è stato legale di Bobby Solo, Massimo Di Cataldo, Giada De Blanck, Arianna David e Carla Vangelista. Quest’ultima, scrittrice e sceneggiatrice, si è trovata coinvolta nella vicenda legata ai fratelli Silvio e Gabriele Muccino. Nel 2019 è stato eletto consigliere per le Pari Opportunità dell’Ordine degli avvocati di Roma. Diventa un personaggio mediaticamente noto per la sua partecipazione a numerosi programmi televisivi e radiofonici. Esperto di casi di cronaca, infatti, partecipa ad alcune trasmissioni della Rai. In particolare, dal 2015 a oggi ha collaborato con i programmi televisivi ‘Uno Mattina’ e ‘La vita in diretta’, entrambi in onda su Raiuno.

Sempre in qualità di esperto di casi di cronaca, collabora con alcuni settimanali quale consulente. Si è laureato in Giurisprudenza nel 2006 presso l’Università degli Studi “Roma Tre” con votazione 110 e lode. Ha anche preso parte in qualità di relatore a decine di convegni, in particolare sui temi di bullismo e cyberbullismo, oltre che sulla violenza di genere. Ha pubblicato importanti saggi e articoli, i più recenti per Maggioli Editore e Angeli Edizioni. Nel 2017 è stato insignito del premio Franca Rame.