Figlio venduto, la mamma lo ha dato via in cambio di una vecchia auto – FOTO

figlio venduto auto
Il figlio venduto in cambio di un’auto FOTO viagginews

Un figlio venduto in cambio di una vecchia automobile: l’assurda vicenda ha coinvolto la madre del piccolo ed una coppia di mezza età.

Il figlio venduto a soli 2 anni in cambio di un’auto malandata. Sono gravissime le accuse che coinvolgono la 45enne Alice Lean Todd ed una coppia. I coniugi Vicenio Mendoza Romero (53) e Tina Marie Chavis (47) sono stati arrestati al pari della madre del bimbo e sono ora in attesa di un processo che li vedrà tutti imputati con dei capi di imputazione molto gravi. Il piccolo sarebbe stato ceduto dalla sua mamma biologia ai due, e questo in cambio di una Coupé Plymouth del 1992. La vicenda di questo figlio venduto, o meglio, scambiato, è avvenuta giorni fa in North Carolina, negli Stati Uniti. Sarebbe stata proprio Alice Lean Todd a proporre ‘l’affare’ ed a liberarsi volentieri del suo bambino, dopo avere letto un annuncio su eBay.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Figlio venduto, gravissime le accuse nei confronti di una madre e di una coppia

Qui si parlava della vendita del vecchio veicolo in cambio di 900 dollari. Tutto viene concordato con un incontro durante il quale mettere tutto nero su bianco. Il figlioletto di Alice Lean Todd però ha accusato un malore proprio in tale circostanza, forse per un corpo estraneo ingerito poco prima. E così si recano tutti in ospedale e lì è Vicenio Mendoza Romero ad affermare che il bimbo è suo figlio, pur non avendo alcun documento per poterlo dimostrare. L’uomo si è giustificato dicendo di avere dovuto agire d’urgenza per timore di una qualche reazione allergica che avrebbe potuto colpire il bambino.

I medici hanno notato dei segni di violenza, da lì l’indagine

Il piccolo però aveva dei lividi sul suo corpo, e lì è scattata una breve indagine, nei quali la coppia ha affermato di avere adottato il bimbo. Anche stavolta però niente documenti. Alla fine è emersa la verità: il piccino era stato scambiato. Ora i protagonisti di questa torbida vicenda si trovano tutti in carcere con una cauzione fissata dal giudice a 50mila dollari. Nel frattempo il bambino è stato dato in affido ad un parente.