Poliziotti uccisi a Trieste, parla la mamma del killer: “Chiedo perdono”

Poliziotti uccisi
(Screenshot Video)

Raggiunta dal ‘Corriere della Sera’, la mamma dell’uomo che ha ucciso i poliziotti a Trieste ha chiesto perdono alle famiglie delle vittime.

La città di Trieste piange ancora la scomparsa dei due poliziotti vittime della sparatoria avvenuta nella Questura friulana nella giornata di ieri. Ad esprimere la propria condoglianza, a nome suo e di tutta la città, è stato quest’oggi anche il sindaco Pozzuoli: “Con sommo dolore ho appreso della morte di due poliziotti a Trieste. Uno di loro, Pierluigi Rotta, è un nostro concittadino. Pozzuoli perde uno dei suoi figli migliori. Notizie che mai vorremmo sentire”.

Sebbene al momento non sia ancora uscita l’esatta dinamica dell’accaduto e si stia indagando anche sullo stato delle fondine dei due poliziotti, è stato confermato che ha far partire i colpi letali è stato Alejandro Arturo Stephan Meran. Per questo motivo la madre del ragazzo, Betania, è stata raggiunta dal ‘Corriere della Sera‘ per poter esprimere la propria opinione su quanto successo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Poliziotti uccisi, parla la mamma del killer: “Chiedo Perdono”

La donna ha prima offerto la propria testimonianza di quanto successo, Betania infatti era appena arrivata in zona Questura quando si è verificata la sparatoria: “La polizia è arrivata nel pomeriggio, ma io non sono uscita dalla macchina, sentivo gli spari e mio figlio Augusto urlare… vedevo tutti i carabinieri ma sono rimasta in macchina. Ho visto mio figlio mentre sparava, ma sono rimasta in macchina”.

In seguito le viene chiesto se voleva dire qualche parola ai familiari delle vittime e la donna dice: “Cosa posso dire? Non ci sono parole, non si può dire nulla per confortare un dolore così. Mio figlio ha dei problemi mentali, ma noi siamo cresciuti in un ambiente cristiano, preghiamo e abbiamo paura di Dio. Spero nel Suo perdono“. La madre di Stephan Meran ha poi chiesto la possibilità di vedere il figlio, del quale al momento non ha avuto notizie.