Adriana Valles, chi è: vita e storia della mitica hair stylist

Adriana Valles, nata in Argentina e abbandonata dopo tre anni dalla mamma italiana, ha una storia davvero speciale: scopriamola insieme.

Nata in Argentina il 1° ottobre 1957 e abbandonata dalla mamma italiana a soli tre anni, Adriana Valles ha dedicato tutta la sua vita di ragazza prima, e di donna poi, alla ricerca di un ricongiungimento. Tra l’Italia e l’Argentina è stata protagonista di innumerevoli colpi di scena, fino al drammatico arresto a Buenos Aires durante il regime del terrore instaurato da Jorge Rafael Videla a metà anni ’70 e tristemente noto per i desaparecidos. La sua storia, appassionante come un romanzo, è un esempio di coraggio, determinazione e tenacia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La favola di Adriana Valles

La storia di Adriana Valles, titolare del celebre Salone Valles di Ferrara da 39 anni, è raccontata nel libro “Le orme dell’orso” dalla scrittrice Francesca Boari, sua amica di lunga data: “Sono nata a Mendoza in un giorno di autunno su cui si appoggiavano foglie tra il giallo e il rosso in una altalena di vento che accompagnava generoso il mio ingresso”. Perché fare della propria vita un romanzo? “Perché lo era già di per sé – risponde Valles – ed evidentemente perché doveva succedere. Prima è stata solo un’idea poi, parlandone con Francesca, l’idea è diventata racconto e il racconto parole scritte e organizzate da lei sul filo dei miei ricordi, delle mie esperienze, della mia rabbia, della mia riconciliazione, della mia conversione”.

“In un periodo che non riesco a collocare ho creduto di non farcela”, ricorda l’hair stylist. “Arrivati a Ferrara non avevamo niente. La nostra forza e la nostra voglia di vivere, quella sì. Sempre”. Ma su quelle che potevano sembrare macerie lei ha saputo costruire una vita felice, piena di affetti e di soddisfazioni personali e professionali. “Il mio desiderio – rivela a tal proposito Adriana – è dare una speranza a chi si vede perso, a chi non riesce ad immaginare per sé un futuro. La mia storia dimostra l’esatto contrario e questo può essere d’incoraggiamento per molti giovani. E non solo per loro…”. La sua è una storia di dolore e rinascita, di abbandono e di riscoperta. “Anche mio figlio Giacomo, al quale devo buona parte del mio coraggio e che ora mi accompagna da vicino…”.

EDS