Trieste, sparatoria di fronte alla Questura: morti i due agenti

I due poliziotti rimasti feriti a seguito della sparatoria davanti alla Questura di Trieste sono appena deceduti. Panico in città. 

Non ce l’hanno fatta i due poliziotti rimasti feriti in uno scontro a fuoco con i rapinatori che, dopo essere stati fermati, avevano tentato la fuga. La sparatoria avvenuta davanti alla Questura di Trieste è stata per loro fatale: poco fa è giunta la notizia che entrambi sono deceduti.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il drammatico bilancio della sparatoria di Trieste

I due poliziotti coinvolti in uno scontro a fuoco con due rapinatori che avevano arrestato sono morti questo pomeriggio a Trieste. La sparatoria è avvenuta poco prima delle 17, come detto davanti alla Questura di Trieste. In base a una prima ricostruzione, due uomini, presunti responsabili di una rapina avvenuta questa mattina, erano stati condotti in Questura per alcuni accertamenti: uno di loro, dopo aver chiesto di andare in bagno, avrebbe aggredito un poliziotto innescando una colluttazione e sarebbe riuscito a impossessarsi della sua pistola, con la quale ha sparato dei colpi. Quando l’uomo che ha aperto il fuoco è stato arrestato, l’altro ha provato a fuggire ma è stato bloccato.

Durante la sparatoria, avvenuta nella zona tra la via del Teatro Romano e via di Tor Bandena, nel centro del capoluogo giuliano, due agenti erano rimasti gravemente feriti e un terzo è stato colpito di striscio alla mano da un proiettile. Poco fa il tragico epilogo. Il sindaco di Trieste, Roberto Di Piazza, ha intanto dichiarato il lutto cittadino, mentre la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese e il Capo della Polizia Franco Gabrielli sono in viaggio verso il capoluogo giuliano.

EDS