Bambina morta, la piccola Sveva omaggiata su tutti i campi di basket

bambina morta basket
Bellissimo omaggio per la bambina morta a Trieste: Sveva era appassionata di basket – FOTO: Facebook

Amava molto il basket Sveva, la bambina morta a soli 8 anni stroncata da un brutto male. Ora su tutti i massimi campionati ci sarà un ricordo per lei.

Verrà omaggiata in tutta Italia la bambina morta per una brutta malattia a Trieste. Lei si chiamava Sveva ed aveva appena 8 anni. Giocava per una locale squadra di pallacanestro, Il Basketrieste, e proprio per questo tutte le partite dei campionati professionistici la ricorderanno con un minuto di silenzio prima dell’inizio di ogni evento. La sua storia venne narrata dallo zio Giulio, all’incirca un anno e mezzo fa. “La nostra famiglia si è dedicata da sempre al basket. Ed anche la mia nipotina Sveva ha seguito le orme di tanti di noi. Ma adesso sta giocando la partita più importante di tutti, contro un male che non vuole più permetterle di fare i canestri. Stiamole tutti vicino con un bel #iotifosveva. Grazie di cuore!”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Bambina morta, il dolce ricordo della madre

Purtroppo la malattia ha avuto la meglio su Sveva. La bambina morta aveva ricevuto messaggi di sostegno da diversi campioni di questo sport, sia maschile che femminile. I vari Gigi Datome, Peppe Poeta, Raffaella Masciadri, Cecilia Zandalasini, Danilo Gallinari le avevano rivolto volentieri delle dediche speciali. E lei si era detta “famosa ed amata”. Lascia il papà, la mammà, un fratellino ed una sorellina. Proprio la madre le ha scritto quanto segue. “Ora sei libera. Vai e corri a perdifiato sui prati più verdi, fatti una bella sciata sulla neve più soffice, tuffati nelle acque più cristalline. Fai tutto ciò che da troppo tempo ti è stato precluso. Però poi, amore mio, torna da noi sotto forma di energia e regalaci un po’ della tua forza e del tuo coraggio perché ne abbiamo davvero bisogno. Per sempre nel nostro cuore dolce guerriera. Mamma, papà, Leonardo e Greta”.