Roma: ragazzina di 13 anni si suicida, forse perché vittima di cyberbullismo

Roma: si suicida a 13 anni lanciandosi dal nono piano di un palazzo, probabilmente vittima di cyberbullismo. Le indagini sono ancora in corso.

femminicidio donna uccisa
(FOTO: viagginews)

Una ragazzina di 13 anni si è uccisa domenica scorsa a Valle Aurelia, a Roma, lanciandosi dal nono piano di un palazzo. E’ possibile che la ragazza abbia preso questa drastica decisione perché vittima di cyberbullismo da parte di alcuni coetanei, ma gli agenti continuano ad indagare anche sulla sua situazione familiare: i genitori si stavano separando, e la studentessa era spesso sola. La ragazza si è lanciata nel vuoto verso le 19:00, lasciando dietro di sé un biglietto d’addio. Per lei non c’è stato nulla da fare, nonostante l’immediato intervento del personale medico del 118: è morta sul colpo. Gli investigatori hanno adesso sequestrato il cellulare della vittima, che verrà analizzato nei prossimi giorni.

Potrebbe interessarti anche –> Dramma a Cantù: donna uccisa a coltellate dal genero

Ragazzina di 13 anni si suicida perché vittima di cyberbullismo

Gli investigatori che si occupando del suicidio della ragazza di 13 anni a Roma, avvenuto domenica scorsa, ipotizzano che la principale ragione del gesto sia stato il cyberbullismo di cui la giovane era vittima. Come riporta “Il Messaggero”, la ragazza avrebbe ricevuto parecchi messaggi contenti insulti molto pesanti su “ThisCrush”, un’applicazione molto diffusa tra i giovani italiani che permette di inviare e ricevere brevi messaggi in modo anonimo. L’app, creata per essere qualcosa di divertente, si sta rivelando un canale di odio, insulti e minacce gratis.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!