Padre Amorth credeva nelle apparizioni mariane a Medjugorje

MedjugorjeIn un libro appena edito, Saverio Gaeta ricorda come padre Amorth credesse fermamente nella veridicità delle apparizioni mariane a Medjugorje.

In ambito ecclesiastico e non solo si discute ormai da oltre trent’anni sulla veridicità delle apparizioni mariane a Medjugorje. Di recente, per volontà di Papa Francesco, c’è stata un’apertura ai pellegrinaggi. Il pontefice ha inviato in terra bosniaca Monsignor Hoser per curare la pastorale, ha permesso a diocesi e parrocchie di organizzare pellegrinaggi ufficiali, ed ha mandato il suo vicario al Festival dei Giovani. Tutti segnali che l’opera di evangelizzazione compiuta in Bosnia non è più vista con sospetto. Questo significa che la Chiesa crede alle apparizioni mariane e le ha confermate? Non esattamente, visto che sull’argomento il papa si è riservato il diritto di esprimere l’ultima parola.

Eppure nel corso degli anni ci sono stati diversi sacerdoti cattolici che hanno creduto fermamente nelle parole dei veggenti e nei fenomeni soprannaturali di Medjugorje. Uno di questi è stato certamente padre Amorth, noto esorcista scomparso nel 2016. Egli fu tra i primi a visitare il paesino bosniaco e concluse quasi subito che i ragazzi “non mentivano”. A ricordare il punto di vista dell’esorcista è lo scrittore Saverio Gaeta in un libro intitolato ‘L’eredità segreta di don Amorth. Così la Madonna ha salvato l’Italia’.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Padre Amorth era convinto che le apparizioni della Madonna ci fossero

Proprio Gaeta ha spiegato che padre Amorth decise di rendere pubblica la propria opinione nel 1986, dopo aver studiato a fondo il fenomeno e aver vagliato tutte le possibili soluzioni. A quel tempo infatti ha detto: “A mio parere è impossibile che la Madonna non appaia a Medjugorje. Anche se in cinque anni non l’ho mai vista, ho visto chiarissimi i segni della sua presenza, gli effetti della sua presenza, le trasformazioni operate dalla sua presenza”.

Negli anni è stato anche tentato dal pubblicare degli articoli per smentire le falsità che circolavano su Medjugorje, ma alla fine non lo ha mai fatto: “Troppe volte ho letto articoli o disposizioni che falsavano la verità, che ignoravano i fatti, che offendevano i pellegrini. Anche se si trattava di documenti firmati da eccellentissimi, ho subito scritto articoli polemici di risposta; almeno 6. Ma non li ho mai pubblicati. Ho visto che le falsità cadevano da sole”.

Sebbene fosse sorpreso delle miracolose guarigioni che si verificavano, il sacerdote era convinto che il vero miracolo fosse un altro: “Il miracolo, per me è un altro. Un popolo che crede e che continua a credere nella presenza della Madonna; un popolo che ha pianto, ma non ha protestato alle parole del vescovo”.