Modella inglese perde la testa: 3 estranee aggredite in stazione

Eliza Peereboom, una modella inglese di 23 anni, perde la testa: 3 estranee aggredite in stazione, una delle vittime deve ricorrere all’anti tetano.

(Instagram)

Una modella inglese ha morso una donna sulla gamba e strappato i capelli di altre due che attendevano un treno verso casa. La vicenda è ora finita in tribunale. Eliza Peereboom, 23 anni, è accusata di aver morso selvaggiamente una donna estranea sopra il ginocchio così gravemente che è stata lasciata cicatrice permanente. L’aggredita ha avuto bisogno di tre mesi di iniezioni di tetano. Lo riporta il tabloid The Sun.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’aggressione della modella Eliza Peereboom contro 3 donne

La modella, che nega di aver strappato i capelli alle runner Ciara Jones e Nicole Deadfield e di aver causato danni fisici reali a Gabriella Marabet, viene inquadrata dalle telecamere per circa 23 minuti. A quanto ricostruito, la giovane londinese ha iniziato la sua aggressione mentre era sulla banchina ad aspettare il treno. “Tutte le persone coinvolte erano tornate a casa dall’ippodromo di Newbury. L’imputato era con un amico”, ha ricostruito l’accusa al processo. Ciara Jones e Nicole Deadfield erano sedute insieme in attesa del treno quando si imbatterono accidentalmente nell’imputato che iniziò a urlare. A quanto pare, le due le chiesero di smettere.

Ma questo non fece altro che aumentare la rabbia, del tutto sconsiderata di Eliza Peereboom. Questa, mentre una delle due donne si alzava, la aggredì da dietro tirandole i capelli. Successivamente, si avvicina Gabriella Marabet, 25 anni, ed è lei ad avere la peggio. Infatti, viene aggredita e morsa a una gamba. In tribunale, sono state mostrate le foto scattate dalla Marabet sulla ferita da morso il giorno dopo l’incidente. Ha detto: “Avevo un segno di morso e un mal di testa da dove venivano strappati i capelli. Sono andato dai medici e ho dovuto ricevere un iniezione contro il tetano una volta al mese per tre mesi e un ciclo di antibiotici”.