Taribo West Milan, dichiarazioni a sorpresa: “La mafia mi mandò via”

Taribo West Milan
Taribo West Milan, l’ex giocatore nigeriano incolpa la mafia per il suo addio – FOTO: milanlive

Sorpresa: Taribo West Milan, l’ex difensore nigeriano che giocò anche con l’Inter incolpa la mafia per il suo addio ai rossoneri

Gli appassionati di calcio degli anni ’90 ricorderanno sicuramente Taribo West. Ex difensore di Inter, Milan e della nazionale della Nigeria, noto per le sue treccine colorate, l’arcigno difensore africano torna a far parlare di sé per delle dichiarazioni decisamente controverse. Al network ‘Score Nigeria’, il 45enne ex giocatore ha affermato che il suo addio proprio al Milan, con cui giocò appena 4 partite di campionato nel 1999/2000 (con un gol) fu deciso “dalla mafia. È proprio così, sono stati degli esponenti della malavita italiana a fare di tutto affinché io lasciassi il club rossonero. Sui giornali circolò una fake news ai miei danni in cui si diceva che fossi gravemente infortunato. Fu un disperato tentativo di convincere la società a mandarmi via. Ed i dottori furono corrotti per confermare che io fossi fisicamente impossibilitato a giocare ad alti livelli. Invece non era affatto vero”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Taribo West: “Fu la mafia a volermi lontano dal Milan” e spiega perché

E Taribo West fornisce anche una giustificazione in merito alle sue affermazioni. “Alcuni ritenevano impensabile che un calciatore africano potesse rubare il posto nell’undici titolare a quelli che già c’erano. Il Liverpool pareva intenzionato ad acquistare il mio cartellino. L’affare però sfumò ed alla fine andai comunque in Inghilterra, ma dovetti accontentarmi del Derby County”. L’allenatore del Milan di 20 anni fa era Alberto Zaccheroni. Il pacchetto di difensori comprendeva Maldini, Costacurta, Helveg, Ayala, Tonetto, Chamot, N’Gotty, Sala, Sadotti, Coloccini e Teodorani. Titolari inamovibili furono Maldini, Costacurta e Helveg, quest’ultimo un fedelissimo di Zaccheroni fin dai tempi dell’Udinese.

Dopo il calcio ha fondato una chiesa nella periferia di Milano

Per quanto riguarda West, ha giocato con la sua nazionale dal 1994 al 2005 totalizzando 41 presenze. Dopo l’Italia ed il Derby County ha giocato relativamente poco nelle otto stagioni successive, dove ha girato il mondo militando con Kaiserslautern, Partizan Belgrado, Al-Arabi, Plymouth, Julius Berger e Paykan Teheran prima di ritirarsi. Poi ha fondato la chiesa ‘Shelter in the Storm’ (Riparo nella tempesta) nella periferia milanese e la ‘Taribo West Charity Foundation’, che aiuta i bambini nigeriani poveri. In più gestisce una scuola calcio assieme a George Weah.