Si butta dall’auto in corsa per sfuggire al mostro: partorisce in fin di vita

La donna si è lanciata dall’auto guidata da un uomo che minacciava di aggredirla: prima di morire ha dato alla luce un bebè.

Helena Broadbent, 32 anni e mamma di due figli, è stata portata d’urgenza in ospedale con lesioni mortali dopo essere caduta da un’auto in movimento a Kiwi Retreat, un sobborgo di Melbourne, in Australia. Il conducente della vettura aveva minacciato di aggredirla e lei, pur essendo incinta, ha tentato di sfuggirgli gettandosi dalla vettura in corsa. Le ferite riportate, purtroppo, le sono state fatali. La donna è morta in ospedale, ma non prima di aver dato alla luce la creatura che portava in grembo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Giù dall’auto per scampare alla “trappola”

Secondo quanto riferiscono fonti locali, subito dopo essersi gettata dall’auto in corsa Helena Broadbent ha partorito il suo bebè con un taglio cesareo. I medici si sono subito resi conto della gravità della situazione e hanno fatto di tutto per salvare anche la mamma, ma purtroppo le ferite riportate dalla donna, come detto, le sono state fatali. Poco dopo il parto è morta.

La neonata è stata intanto trasferita al Royal Women’s Hospital e rimane in condizioni critiche. La polizia ritiene che l’autore della tentata aggressione sia un 35enne noto alla vittima. Secondo un suo vicino di casa, Ivan Sucic, fu lui a lasciare l’abitazione della signora Broadbent e del suo compagno prima di “saltare nella sua macchina ed entrarvi sbattendo con forza la portiera”. Lo stesso testimone ha riferito di aver sentito Helena urlare. Sul caso è stata subito aperta un’indagine.

EDS