Bunker segreto sotto i campi di concentramento, ecco cos’hanno scoperto

È stato recentemente scoperto un bunker segreto sotto le fondamenta del campi di concentramento di Buchenwald. Ecco cos’hanno scoperto.

Sono passati quasi ottant’anni dalla tragica vicenda nota a tutti come Olocausto. Celebri furono in quegli anni i furti ottemperati dalle guardie naziste nei confronti delle famiglie ebree, poveri e ricchi non facevano differenza, che avrebbero fruttato ai capi nazisti indicibili tesori ed infinto guadagno. In seguito a diversi scavi avvenuti all’interno dei diversi campi di sterminio, altresì conosciuti come campi di concentramento, vennero rinvenuti, sin dai primi anni cinquanta , diversi bunker segreti dove i nazisti erano soliti nascondere i loro tesori. Il primo scavo avvenne nel campo di lavoro di Buchenwald, liberato nel ’45 dagli alleati, dove vennero trovati due bunker colmi di oro e gioielli.

Bunker segreto, il terzo scavo di Buchenwald

Dopo anni di ricerche, portate avanti dal MDR (un servizio pubblico regionale), sarebbe sorta la possibilità di un terzo possibile bunker, situato sempre nei pressi del campo di Buchenwald. Una foto aerea degli anni del conflitto mondiale ritrarrebbe nitidamente tracce di scavi nazisti, zona che è diventata in seguito oggetto d’investigazione del MDR. Anche il Centro di Ricerca Ambientale di Helmholtz avrebbe rivelato la presenza di cavità nel suolo. Pur avendo in mano una grande mole di dati a favore, non è possibile sapere se i lavori portati avanti dai soldati di Hitler fossero stati completati o meno. Un portavoce del campo di Buchenwald ha definito dettagliatamente la situazione attuale:

“In seguito alle intense ricerche del MDR, vi sono ora indizi che dimostrano la presenza di scavi nel campo di Buchenwald, avvenuti durante gli anni del regime nazista. Non sappiamo ancora se questi lavori fossero stati completati e se un tesoro segreto sia stato seppellito in quella zona. L’organizzazione ha però ottenuto il permesso d’investigare per scoprirlo.”