Azouz Marzouk insiste: “Aiuto i giudici a trovare i veri assassini, Raffaella e Youssef sono nel mio cuore”

Azouz MarzoukAzouz Marzouk insiste: “Aiuto i giudici a trovare i veri assassini, Raffaella e Youssef sono nel mio cuore”. 

Torna ancora a parlare Azouz Marzouk, l’uomo che nella strage di Erba ha perso moglie e figlio piccolo, Raffaella Castagna e Youssef. L’uomo, come aveva già fatto in passato, mette in dubbio la colpevolezza di Rosa Bazzi e Olindo Romano, i due coniugi accusati di aver compiuto la strage nella quale sono rimasti uccisi anche Paola Galli (la mamma di Raffaella) e la vicina di casa Valeria Cherubini.

Le parole di Azouz Marzouk: “Rosa e Olindo sono innocenti”

Le parole di Azouz riportate dal settimanale Giallo lasciano a dir poco perplessi. Ecco il suo pensiero in merito a quella strage e alle indagini che ne sono seguite: “Ho riletto e studiato tutte le carte dei processi per la strage di Erba. Una cosa mi è parsa subito strana. Il giudice dispose il nulla osta per la cremazione di Paola Galli, mia suocera, quando ancora non era conclusa l’indagine e mentre i Romano avevano ancora la difesa d’ufficio. Non avrebbe potuto e dovuto aspettare, anche considerando i possibili sviluppi futuri? Perché tutta quella fretta? In secondo luogo mi chiedo perché abbiano dato ordine di distruggere i reperti legati al caso. Ecco, questi strani avvenimenti mi hanno convinto che Rosa e Olindo non sono gli autori della strage. E’ vero, sono stato io il primo ad accusarli durante il processo, ma lo feci perché il mio avvocato del tempo mi aveva consigliato di tirarmi fuori da tutto. Ero nei guai per via dello spaccio di cocaina e per il mio legale la cosa migliore da fare era assecondare l’accusa. Raffaella e mio figlio Youssef sono parte di me e lo saranno sempre. Anche la mia nuova famiglia sa dell’affetto immutato che provo per loro. Le mie figlie sanno che avevano un fratello e le ho cresciute dicendo loro che Raffaella è una zia che li protegge da lassù. Proprio per questo non mi basta quello che c’è scritto nelle sentenze, io voglio la verità”.

Leggi anche –> Strage di Erba, Azouz Marzouk vuole l’eredità di Raffaella: “Datemi i soldi che mi spettano”

Sui coniugi Romano aggiunge: “Sono innocenti e non dovrebbero essere rinchiusi in carcere. Per questo ho fornito indicazioni utili agli avvocati di Rosa e Olindo Romano perché risolvano davvero il caso. Ho anche presentato un’istanza alla Procura di Milano chiedendo nuove indagini”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI per usufruire del servizio di Google News che raccoglie tutti i nostri articoli di viaggi, gossip, tv, cronaca e intrattenimento.