Roma, metro B: straniero accoltella vigilante e poi si spara


Roma, metro B: straniero accoltella vigilante e poi si spara. Nel tunnel della stazione Tiburtina la drammatica aggressione. Grave la guardia giurata colpita.

Tragico è stato l’epilogo del gesto compiuto da un cittadino extracomunitario oggi nella metro di Roma. L’uomo si è infatti sparato dopo aver accoltellato un vigilante, al quale aveva sottratto l’arma con cui si è tolto la vita.

Roma, metro B: straniero accoltella vigilante e si spara un colpo in testa

Il drammatico evento è accaduto nel tunnel della metro B, precisamente presso la stazione Tiburtina della capitale. Secondo le prime ricostruzioni di quanto avvenuto, il vigilante aggredito dall’uomo suicida sarebbe stato colpito più volte al collo. L’uomo, 55 anni, impiegato in servizi per le Ferrovie dello Stato della società Urbe, si troverebbe ora ricoverato in gravi condizioni al Policlinico Umberto I della città. L’aggressore ha disarmato la guardia giurata e si è tolto la vita sparandosi un colpo alla testa con quella stessa arma. Sul luogo gli inquirenti indagano sui dettagli di quanto accaduto e sulle motivazioni che potrebbero aver determinato il folle gesto. Sono state acquisite per lo svolgimento delle indagini le immagini delle telecamere di sorveglianza per far luce sui dettagli di quanto accaduto. Nel frattempo ha ripreso regolarmente servizio la metro della città, mentre è stato chiuso il tunnel nel lato di via Lorenzo il Magnifico.

Poco meno di un mese fa un altra drammatica aggressione è avvenuta nella metro di Lione. In quell’occasione un uomo 33enne privo di documenti aveva seminato il panico tra la folla, uccidendo un ragazzo di 19 anni e ferendo 9 persone.

Leggi tutte le notizie su Google News