Bambina con malformazione, l’asilo la rifiuta: “Spaventa gli altri bimbi” – FOTO

bambina con malformazione
Una bambina con malformazione è stata rifiutata dall’asilo, crudele il motivo – FOTO: metro.co.uk

È arrivato un netto quanto crudele no da un asilo che ha respinto l’iscrizione per una bambina con malformazione alla testa.

Una bambina con malformazione al cranio è stata respinta da un asilo in Russia. E la mamma della piccola, che si chiama Sofya Zakharova, ha spiegato anche l’assurdo motivo. La direzione dell’edificio scolastico le ha detto che sua figlia “potrebbe spaventare gli altri bimbi”. Il fatto è accaduto nel villaggio di Alatany. Sofya mostra gli evidenti segni di una malformazione e sempre la direzione dell’asilo ha consigliato alla sua famiglia di farla sottoporre ad un intervento chirurgico prima di candidarsi per un posto.

La piccina ha anche le dita dei piedini fuse insieme. Purtroppo la situazione economica molto complicata di Svetlana e Rasul – i suoi genitori – non rende affatto facile le cose. I tre vivono in una casa priva di acqua e di riscaldamento. Sono stati aiutati sin qui da una associazione caritatevole locale. Ma per quanto riguarda l’iscrizione di Sofya all’asilo sembra non ci sia nulla da fare al momento.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Bambina con malformazione: “O si opera o non si iscrive qui”

Sembra che, qualora la bambina con malformazione dovesse essere sottoposta ad una operazione di qualche tipo per intervenire sulla forma della sua testa, la sua famiglia non riceverà alcun sussidio di invalidità per la piccola. Ma la scuola è stata chiara: in questo stato la bimba non sarà accettata. Questa situazione rischia di compromettere il futuro di Sofya. I bambini hanno infatti la necessità di socializzare tra loro, e devono farlo quanto prima. Costruire esperienza nelle interazioni le permetterebbe anche di accettare meglio quella che è la sua condizione. Della vicenda si è interessato anche un tribunale locale, che sta esaminando i motivi del rifiuto dell’asilo e le possibilità di intervento chirurgico su Sofya. Sembra evidente per l’ente che “i diritti di questa bambina e dei suoi genitori sono stati violati, ora ci sarà una valutazione adeguata e coerente con quanto indicato dalla legge”, ha fatto sapere un funzionario.