Lutto Rai: addio a Sandro Ceccagnoli, giornalista del Tg1

Lutto nella famiglia del Tg1 e per la Rai intera: si è spento Sandro Ceccagnoli, l’addio dei colleghi allo stimato giornalista del servizio pubblico.

(screenshot video)

Rai in lutto per la morte di Sandro Ceccagnoli, nato a Città di Castello il 24 settembre 1938. Il giornalista del Tg1, che per anni ha formato schiere di suoi colleghi, avrebbe dunque compiuto domani 81 anni. Il suo decesso è un duro colpo per il giornalismo televisivo italiano. I colleghi del telegiornale del primo canale pubblico nazionale gli hanno dedicato un servizio durante l’ultima edizione delle 13.30 per ricordarlo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi era il giornalista del Tg1 Sandro Ceccagnoli

Professionista dal 1 novembre 1965, iscritto all’albo dell’ordine dei giornalisti Lazio, Sandro Ceccagnoli era uno dei più noti professionisti del settore. “Lealtà, correttezza, professionalità, serenità”, queste le doti che gli vengono attribuite dal suo collega Piero Damosso, autore del servizio. Per molti anni capo del coordinamento del Tg1, grazie al suo lavoro il telegiornale è diventato quello più seguito in assoluto negli ultimi anni. La sua figura di leader, viene ricordato, ha sempre promosso l’innovazione e ha accompagnato l’inserimento lavorativo dei giovani nella testata.

Di recente, aveva partecipato alla cerimonia di dedica della palazzina del Tg1 all’ex direttore Albino Longhi, con cui aveva a lungo collaborato. Tradizione e rispetto del pluralismo erano stati i capisaldi della sua attività nel servizio pubblico radiotelevisivo, a partire dalla metà degli anni Ottanta. Amante dello sport, aveva praticato il tennis a livello amatoriale.

Leggi anche –> Lutto Rai: morto il giornalista Gabriele La Porta, ex direttore di Rai Notte