Incidente stradale, lei muore alla guida ed il fidanzato al telefonino sente tutto

Incidente stradale telefonino
Grave incidente stradale a Roma, muore una giovane – FOTO: viagginews

Un incidente stradale con telefonino sotto accusa: lei perde la vita mentre parla con il suo compagno, che dall’altra parte sente gli ultimi istanti di vita della ragazza.

Un grave incidente stradale capitato nel corso della scorsa notte ha portato al decesso di una ragazza morta in conseguenza di uno schianto. Il suo corpo è stato rinvenuto a Roma all’interno di un fossato. Il dramma si è consumato nei pressi della complanare di via Cristoforo Colombo, all’altezza del Grande Raccordo Anulare. È stato il fidanzato della vittima, che si chiamava Claudia Oliva ed aveva 28 anni, a lanciare l’allarme. Erano le 03:00 del mattino quando l’incidente stradale è avvenuto mentre i due stavano parlando al telefono. All’improvviso però la ragazza ha perso il controllo dell’auto della quale si trovava al volante. Il veicolo è uscito fuori di strada ed è finito in un punto poco visibile dal manto stradale. La povera Claudia è morta sul colpo, mentre il fidanzato ha ascoltato dall’altra parte del telefono cosa avveniva negli ultimi secondi di vita di lei.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Incidente stradale, telefonino sotto accusa: la vittima era distratta?

Lui ha riferito alle autorità di avere sentito il rumore della macchina che si accartocciava. Le forze dell’ordine hanno individuato il luogo preciso dello schianto dopo avere analizzato le cellule telefoniche. La polizia è intervenuta subito assieme ai soccorsi medici. Ma al loro arrivo, Claudia era già senza vita. Ed a causa della fitta vegetazione presente, è risultato difficile anche recuperare il corpo della sfortunata giovane. Il magistrato di turno ha disposto lo svolgimento di un esame autoptico. La polizia ha svolto i rilievi del caso ed ora si vuole capire se l’incidente possa essere stato provocato da un uso improprio del cellulare alla guida, oppure se Claudia stesse utilizzando più propriamente auricolari o comunicazione bluetooth, finendo comunque con l’essere coinvolta in questa tragedia.