Demi Moore, rivelazione choc: “Mia madre mi vendette a uno stupratore”

A 56 anni compiuti Demi Moore ha deciso di raccontare una delle pagine più oscure e dolorose della sua vita privata. Ecco la verità.

Esce domani Inside Out, il libro pubblicato da Harper nel quale Demi Moore, 56 anni, racconta la sua infanzia non facile, una violenza subita a 15 anni e un periodo di dipendenza. L’attrice protagonista di tanti film di successo (da Ghost a Codice d’onore passando per Proposta indecente e Striptease) rivela per la prima volta ciò che per anni ha voluto nascondere, ma anche il suo percorso di guarigione fisico, mentale ed emotivo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La ferita nascosta di Demi Moore

Quella di Demi Moore non è stata sicuramente una famiglia standard. Suo padre, Danny Guynes, la “arruolò” per aiutarlo a impedire a sua madre, Virginia King, alcolizzata, di riuscire in uno dei suoi tanti tentativi di suicidio. Solo anni dopo Demi seppe che in realtà lui non era il suo padre biologico. Ma la notizia più sconvolgente è che a 15 anni fu violentata da un uomo che la “comprò” da sua madre per 500 dollari.

“È stato uno stupro e un tradimento devastante”, afferma nel libro. Dopo la violenza, l’orco le domandò: “Come ci si sente a essere f…e per 400 dollari?”. Quando le è stato chiesto se pensava che sua madre l’avesse venduta di sua iniziativa, Demi Moore ha detto che non ne era sicura. “Penso nel mio profondo cuore di no – ha detto -. Non credo che che sia stata una transazione semplice, ma lei gli ha comunque dato via libera e mi ha messo in pericolo”. L’attrice lasciò se ne andò di casa a 16 anni e sua madre morì nel 1998.

EDS