Gaetano Castrovilli, chi è: età, carriera, vita privata del calciatore ex ballerino

Chi è Gaetano CastrovilliConosciamo meglio la prima rivelazione del campionato di Serie A: età, carriera e vita privata di Gaetano Castrovilli, talento emergente della Fiorentina.

Il calcio è spesso fatto di intuizione, quella capacità di vedere prima degli altri quello che accadrà di lì a poco. Ciò che rende grande un calciatore è la capacità di leggere il gioco come se si trovasse al di fuori del rettangolo di gioco, ed è proprio questa la principale caratteristica di Gaetano Castrovilli. Giunto a Firenze in punta di piedi mentre i tifosi si esaltavano sognando l’arrivo di James Rodriguez a Napoli, o quello di Neymar alla Juventus, il giovane pugliese si è messo a disposizione di Montella.

Già nel precampionato il ragazzo classe ’97 ha impressionato per personalità ed eleganza, attirando la curiosità degli intenditori. Solo dopo la partita con la Juventus di settimana scorsa, però, tutti si sono accorti che Castrovilli ha la stoffa per lasciare un segno. Il centrocampista ha giocato una partita di grande sostanza, senza tralasciare lo stile: doppi passi, dribbling e passaggi illuminanti che hanno messo alla corda la retroguardia bianconera.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Gaetano Castrovilli

Nato il 17 febbraio 1997 a Minervo Murge, paesino di 8 mila anime in provincia di Bari, Gaetano Castrovilli da bambino sognava di fare il ballerino. I genitori, assecondando la sua passione per la danza, lo avevano iscritto ad un corso di danza classica. Solo quando ha compiuto 10 anni, il nonno gli ha chiesto di provare a giocare a calcio e vedere se gli piaceva. Come in una favola, il primo assaggio di pallone non è stato semplicemente amore a prima vista, ma uno snodo del destino.

Gaetano aveva un naturale tocco fatato, un’innata eleganza nella corsa e nelle movenze ed in breve ha sviluppato una visione del gioco fuori dal comune. Di lui si è innamorato subito un osservatore del Bari che, dopo averlo visto giocare una volta, chiama subito il segretario del settore giovanile: “Vieni subito, c’è un ragazzino che devi assolutamente vedere”. Segue un provino con le giovanili della squadra pugliese in cui il giovanissimo Castrovilli lascia a bocca aperta compagni e allenatore.

Dopo tutta la trafila nelle giovanili, nel 2015-2016, Roberto Stellone decide di fare esordire l’allora diciottenne Castrovilli in prima squadra. Giocherà 11 partite e conquisterà l’interesse della Fiorentina. La viola lo compra in estate per 400 mila euro e lo gira per due anni in prestito alla Cremonese. Nei due anni di Serie B, il ragazzo fa esperienza ed incanta con le sue giocate. Quest’estate il ritorno a Firenze coincide con l’incontro con Montella che crede subito in lui.

Adesso Gaetano è un titolare fisso della viola ed ha già attirato l’attenzione di Roberto Mancini che vuole presto testarlo nella sua giovane nazionale. Il 22enne vive questo momento magico con estrema serenità e se gli chiedi cosa lo aiuta a giocare con tanta grazia e personalità risponde: “La danza mi ha aiutato tanto nel calcio e, che ci crediate oppure no, continua a farlo. Come? Quando devo pensare e realizzare un dribbling, una finta, un inserimento. Vivo la mia vita danzando, appena parte una canzone che mi piace non riesco a trattenermi”.