Home News Chi è Fabio Buzzi, il pilota morto per cercare di battere il...

Chi è Fabio Buzzi, il pilota morto per cercare di battere il record di velocità offshore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:17
CONDIVIDI

Chi è Fabio BuzziIl pilota Fabio Buzzi è morto ieri notte nel tentativo di battere il record di velocità offshore: scopriamo chi era e qual è stata la sua carriera.

Ieri notte si è verificata una tragedia al porto di Venezia. Sul molo c’erano i cronometristi che attendevano l’equipaggio della ‘Lunata‘, potente motoscafo creato appositamente per battere il record di traversata off-shore Montecarlo-Venezia. Il viaggio era andato per il meglio, ma proprio all’arrivo qualcosa è andato storto: il mezzo si è andato a schiantare contro la diga creata per proteggere il Mose. Nel violento schianto hanno perso la vita 3 dei quattro uomini che componevano l’equipaggio: due piloti di nazionalità inglese ed il nostro Fabio Buzzi. Ferito in modo grave, invece, Mario Invernizzi, già campione del mondo Off-shore.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Fabio Buzzi, il pilota morto per battere il record

Nato a Lecco nel 1943, Fabio Buzzi era un ingegnere nautico e progettista di fama mondiale. Laureatosi al Politecnico di Torino in ingegneria, si era dedicato al mondo delle corse in motoscafo a partire dal 1960. Come pilota è stato per 10 volte campione del mondo Off-shore. Ma le corse, oltre che un diletto, erano anche un modo per sperimentare le nuove imbarcazioni da lui ideate. Non a caso come progettista aveva vinto ben 55 titoli mondiali. Appassionato di sperimentazione, negli ultimi anni aveva spinto per implementare modifiche che permettessero di incrementare la sicurezza delle imbarcazioni.

Già nel 2016 aveva battuto il record di traversata della Montecarlo-Venezia, concludendo il percorso di 1.161 miglia in 22 ore 6 minuti e 42 secondi. Il precedente record era stato stabilito da Mario Invernizzi (anche lui sull’imbarcazione di ieri) nel 2011: 22 ore 13 minuti e 17 secondi. La lunata, nuova imbarcazione progettata da Buzzi, era in grado di raggiungere una velocità di 70 nodi (130 chilometri orari), motivo per cui il progettista era sicuro di poter abbassare ulteriormente il proprio record.