Home News Vieni da me, Caterina Balivo fa piangere l’ospite Nina Soldano

Vieni da me, Caterina Balivo fa piangere l’ospite Nina Soldano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:12
CONDIVIDI

Nina Soldano, ospite del salotto di Caterina Balivo, è scoppiata in lacrime quando le è stata posta una domanda apparentemente banale.   

Caterina Balivo non si aspettava minimamente la reazione della sua ospite nel salotto di Vieni da me durante la diretta odierna del programma pomeridiano di Rai 1. Nina Soldano, volto noto di Un posto al sole, è scoppiata in lacrime quando le ha chiesto come mai le piacciano gli aerei. La conduttrice è rimasta esterrefatta.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La ferita aperta di Nina Soldano

Durante la sua intervista a Caterina Balivo, Nina Soldano ha parlato con dolcezza del suo amore, nato sui social, con il marito Teo Bordagni. Poi, però, all’improvviso il sorriso radioso ha lasciato il posto a lacrime amare. Quando la conduttrice le ha chiesto del suo amore per gli aerei, l’ospite ha cominciato a piangere, apparentemente senza motivo. Dopo qualche lungo istante di imbarazzo, è stata la stessa Nina Soldano a spiegare l’accaduto: “Mio padre guidava aerei militari. È mancato da poco e parlarne mi commuove”.

L’attrice 56enne originaria di Vieste (FG) ha spiegato che la presenza di Teo Bordagni è stata importante per affrontare la malattia dei genitori. “Si sono ammalati insieme nel 2011. Nel 2015 c’è stato il picco massimo, le malattie non le puoi controllare. Non è stato facile, ma ho recuperato il rapporto. E in questa turbolenza è arrivato lui”. Inizialmente genitori di Nina Soldano non avevano condiviso la sua scelta di cercare di affermarsi nel mondo dello spettacolo. La madre era insegnate, e il padre come detto guidava aerei militari. “Loro desideravano altro per me. Li ho fatto penare tantissimo perché avevo questo forte desiderio. Poi ci siamo riavvicinati. Ho scoperto dopo che mio padre mi seguiva da lontano. Ritagliava tutti i giornali, faceva degli album pazzeschi…”.

EDS