Home News Roma, “pignatta” con la testa di Salvini presa a bastonate – VIDEO

Roma, “pignatta” con la testa di Salvini presa a bastonate – VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:04
CONDIVIDI

Matteo Salvini sotto forma di “pignatta” preso a bastonate: questa l’idea messa in scena durante la serata finale dell’estate romana. Insorge il mondo politico. 

Una pignatta con le sembianze del volto del leader della Lega Matteo Salvini presa ripetutamente a bastonate. E’ stato il “gioco” messo in scena durante la serata finale dell’estate romana al parco Schuster, a San Paolo, di fronte all’omonima Basilica, che nei mesi estivi ha ospitato eventi culturali di rilievo, concerti, dibattiti e spettacoli teatrali.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Un “gioco” pesante ai danni di Matteo Salvini

Come molti di voi sapranno, la “pentolaccia”, nota anche come “pignatta”, è un gioco tradizionale in cui un soggetto bendato deve colpire e rompere con un bastone un contenitore appeso, che originariamente era appunto una pentola di terracotta. Stavolta, però, è stato tirato in ballo uno degli esponenti politici più in vista sulla scena politica italiana.

Va da sé che l’accaduto non è sfuggito a nessuno, complice l’inevitabile tam tam mediatico. Neppure a due avversari storici del leader leghista: Virginia Raggi e Roberto Giachetti. La sindaca di Roma ha espresso la propria solidarietà all’ex ministro dell’Interno: “E’ inaccettabile ciò che è successo al Parco Schuster a Roma dove dei balordi si sono divertiti a colpire una pignatta che rappresentava il volto di Matteo Salvini”. E in un tweet Raggi afferma che “comunque la si pensi, il rispetto delle persone viene prima di tutto”. Anche Roberto Giachetti – nella serata di lunedì – sempre su Twitter si era scagliato contro gli autori della deprecabile “trovata”.

Il leghista Francesco Zicchieri, coordinatore Regionale, Claudio Durigon, vice coordinatore regionale, Flavia Cerquoni, coordinatore romano e Maurizio Politi, capogruppo in Assemblea capitolina, hanno commentato in una nota che “è vergognoso quanto accaduto per mano di un gruppo di esaltati con tanto di incoraggiamento del Dj” e “cosa ancora più scandalosa è il fatto che l’evento risulti sponsorizzato mediaticamente dai siti di Roma Capitale”.

Il caso finirà al centro di un’interrogazione diretta alla sindaca di Roma: “Abbiamo già predisposto l’atto per sapere se queste persone abbiano usufruito di finanziamenti pubblici e soprattutto chiediamo che Virginia Raggi si dissoci immediatamente da tale gesto, togliendo eventuali autorizzazioni a questi fomentatori di odio”, hanno aggiunto gli esponenti leghisti.

EDS