Napoli, piccolo Gabriele: trovato donatore di midollo osseo

Piccolo gabrieleC’è una speranza in più per il piccolo Gabriele: i medici hanno trovato il donatore di midollo osseo compatibile e potrà essere operato.

C’era una possibilità su centomila di trovare un donatore di midollo osseo compatibile al 100% con il piccolo Gabriele, eppure nelle scorse ore i medici lo hanno trovato. Adesso questo bambino di due anni affetto da una malattia genetica rarissima (solo 20 casi nel mondo) può guardare al futuro con speranza. Il bimbo è affetto da anemia sideroblastica con immunodeficenza delle cellule B. Questo comporta un costante stato febbrile e l’impossibilità per il bambino di avere uno sviluppo regolare.

Nei mesi scorsi il piccolo Gabriele era stato sottoposto ad una terapia biologica che sembrava dare dei risultati. A luglio i miglioramenti erano stati tali che facevano ben sperare. I medici avevano spiegato ai genitori che se i miglioramenti fossero rimasti costanti non ci sarebbe stato bisogno del trapianto di midollo osseo. Purtroppo, però, ad agosto le condizioni fisiche del bambino sono peggiorate nuovamente.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Trovato il donatore di midollo osseo per il piccolo Gabriele

La situazione era disperata, ma i genitori non si sono mai abbattuti e attraverso la pagina “Little Hero” hanno continuato a cercare qualcuno che potesse donare il midollo al figlio. Poche ore fa la splendida notizia: è stato trovato il donatore compatibile al 100%. Il bambino verrà operato il mese prossimo agli Spedali Civili di Brescia. A comunicare la straordinaria notizia è il padre del piccolo, Costanzo, che ha ‘Tgcom 24‘ dice: “Non sappiamo chi sia, non sappiamo da dove venga, ma c’è e non si è tirato indietro. Noi di questo lo ringraziamo”.

Adesso il piccolo Gabriele dovrà affrontare un periodo di ricondizionamento: i medici lo sottoporranno a delle cure chemioterapiche per azzerare il suo midollo. Questa fase è necessaria per permettere al corpo di accettare il trapianto di cellule staminali emopoietiche che dovrà affrontare. Il rischio altrimenti è che l’organismo le rigetti e che le sue condizioni peggiorino drasticamente. Un operazione simile era stata compita alla fine del 2018 sul piccolo Alex, in quel caso tutto è andato per il meglio. Un altro motivo per i genitori di essere ottimisti.

Fabio Scapellato