Arrestato per truffa Enzo Cacialli, il pizzaiolo di Papa Francesco

Napoli. È stato arrestato Enzo Cacialli, il pizzaiolo campano che nel 2015 aveva destato scalpore offrendo una pizza speciale a Papa Francesco. Scopriamo cosa è accaduto.

Era il 2015 quando il pizzaiolo Vincenzo Cacialli, conosciuto nella zona come Enzo, divenne famoso dopo aver sfornato una pizza speciale. La specialità era stata infatti cucinata apposta per Papa Francesco, in visita sul lungomare campano, e gli era stata portata a mano dallo stesso pizzaiolo. Il Papa, in piedi sulla papa-mobile, riceve il dolce regalo: Enzo ha composto con la mozzarella la frase W il Papa. Il video fa ben presto il giro del mondo, ed Enzo viene ribattezzato dalla CNN americana come il pizzaiolo di Papa Francesco.

Enzo Cacialli, l’arresto a Torino

Passano quattro anni dalla gioiosa vicenda, ed Enzo compare nuovamente sui giornali ma questa volta si parla di tragedia: il pizzaiolo campano viene infatti arrestato per truffa. Cacialli sarebbe stato colto in fragranza di reato in corso Vittorio Emanuele, nel centro di Torino.

“Sono il legale Demichelis, suo nipote ha provocato un incidente e ha bisogno urgente di soldi perché si trova in carcere.”

Così Cacialli raggirava e truffava miriadi di anziani, spacciandosi per il legale dei loro giovani nipoti finiti in qualche guaio. Definito dalle forze dell’ordine come truffatore trasferista, Cacialli si spostava in diverse sedi della penisola per portare avanti il suo mestiere fraudolento, poi la sera tornava a Napoli, usando il mestiere di pizzaiolo come copertura. Enzo viene così arrestato a Torino, con il bottino ancora nelle tasche. La truffa questa volta ricade sul patrimonio di una povera 85enne piemontese, illusa dal bieco pizzaiolo. Così Enzo si ritrova a vivere nuovamente la fama, passati diversi anni dalla sua nomina da pizzaiolo di Papa Francesco, ma questa volta è spinta da un indecoroso crimine nel confronto di innocenti.