Insegnante la umilia in classe per il ciclo, quindicenne si suicida

Insegnate la umilia in classe, quindicenne si suicidaUna quindicenne keniota è stata umiliata in classe dall’insegnante dopo essersi macchiata a causa del ciclo, di ritorno a casa si è uccisa per la vergogna.

Una ragazza di 15 anni è stata indotta al suicidio da un’umiliazione subita in classe. La giovane studente si trovava a scuola (in Kenya) come tutti i giorni quando si è accorta di aver il ciclo. L’adolescente, però, non aveva assorbenti a portata di mano e nel corso della giornata il flusso mestruale le ha macchiato i pantaloni. L’insegnante si è accorto di quanto stava succedendo e, invece di comprendere la situazione di disagio, l’ha accusata di essere “sporca” e l’ha cacciata via dalla classe.

In quella fase di crescita, il ciclo mestruale è vissuto dalle ragazze come qualcosa di cui vergognarsi e spesso le fa sentire a disagio. Se a questo si aggiunge l’impossibilità di evitare che il sangue la macchiasse e l’insensibilità dell’insegnante è facile capire come si possa essere sentita. Ancora scossa per quanto successo la ragazza ha deciso di compiere un gesto estremo: di ritorno a casa i genitori l’hanno trovata impiccata.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Quindicenne si suicida dopo l’umiliazione subita, accusato l’insegnante

Il giorno seguente la tragica morte della quindicenne i genitori hanno accusato l’insegnante di aver indotto la figlia a compiere quel gesto estremo. Un gruppo di manifestanti, inoltre, si è posizionato davanti l’ingresso della scuola ed ha chiesto il licenziamento del docente. L’uomo avrebbe dovuto sapere che in Kenya molte famiglie non possono permettersi di comprare gli assorbenti alle figlie e che, proprio per ovviare, le scuole li forniscono gratis.

Potrebbe interessarti anche: Roma, Giorgia si impicca al parco a 18 anni: “E’ un suicidio, il dramma della depressione”