Craig Warwick, il sensitivo a Pomeriggio 5: “Ho rischiato di morire”

Il sensitivo Craig Warwick, reduce dall’Isola dei Famosi, è ospite oggi 12 settembre del programma Pomeriggio 5: “Ho rischiato di morire”.

craig warwick
(Instagram)

Ospite di Pomeriggio 5 in diretta da Milazzo ci sarà il sensitivo Craig Warwick. Il protagonista di una delle ultime edizioni dell’Isola dei Famosi nelle scorse settimane è stato ricoverato d’urgenza al nosocomio Fogliani di contrada Grazia. In seguito trasferito a Messina, l’uomo ha avuto a che fare con una grave forma di trombosi. Adesso è in ripresa, ma stando al suo racconto se l’è vista davvero brutta.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La testimonianza del sensitivo Craig Warwick

Questo il suo racconto sui social: “Mi trovavo a Milazzo, non mi sentivo bene già da giorni, forse da mesi, così ho deciso di fare le analisi del sangue per capire cosa mi stava accadendo. Dopo solo un’ora, vengo raggiunto da una telefonata della dottoressa che mi avverte di un pericolo urgente; la mia emoglobina è sotto i 6 punti, la mia vita è a rischio, potrei morire in qualunque istante”.

Quindi prosegue: “I miei amici chiamano urgentemente l’autoambulanza, mi trasportano all’ospedale di Milazzo e solo dopo poche ore mi ritrovo con un ago nel braccio e una sacca di sangue che scorre nelle mie vene…..e la prima cosa che ho pensato è stata: chi ha donato quel sangue? Quanta vita e quanto amore in una sola sacca da mezzo litro”. Una vicenda che lo ha davvero provato.

I ringraziamenti dopo la disavventura in ospedale e la scoperta della malattia

Craig Warwick ha ringraziato chi lo ha aiutato e sostenuto, a partire dai medici: “Grazie a tutti i medici di Milazzo che solo dopo pochi giorni, mettendo la mia vita in salvo, decidono di trasferirmi al Policlinico di Messina per capire cosa ha causato tutta questa perdita di sangue. Non ricordo esattamente quante analisi e a quante indagini sono stato sottoposto, le cose non erano semplici e questo lo capivo benissimo e capivo anche che potevano esserci brutte sorprese”.

Così il sensitivo scopre cosa gli è successo: “Dopo tre settimane viene diagnosticata una forma rarissima di trombosi in più parti delle vene dell’intestino. Non smetterò mai di ringraziare i medici e il personale del policlinico che mi hanno fatto sentire a casa. Adesso comincia per me un percorso di cure e controlli costanti  ma desidero ringraziare tutti voi amici miei, i vostri messaggi ed il vostro calore mi farà superare tutti gli ostacoli”. Adesso a quanto pare, sta decisamente meglio.