Home News Molinari attacca: “Italia più forte in Europa per merito della Lega”

Molinari attacca: “Italia più forte in Europa per merito della Lega”

CONDIVIDI

Molinari attacca: “Italia più forte in Europa per merito della Lega”. Ecco la situazione del nostro Paese in questo momento.

Molinari

Si è appena insediato il nuovo governo presieduto da Giuseppe Conte e ieri c’è stata l’accesissima discussione in Senato preceduta il giorno prima dall’altrettanto accesa discussione alla Camera. Uno dei protagonisti col suo discorso è stato il capogruppo della Lega alla Camera dei Deputai, Riccardo Molinari, che ha voluto sottolineare un concetto: “L’Italia oggi è più forte in Europa? Anche e soprattutto merito della Lega e di quanto fatto in questi mesi”.

L’attacco di Molinari sull’Europa

A proposito di Europa Molinari ha attaccato così il premier Conte: “Quando lei, un’anno e mezzo fa, è venuto in quest’aula a chiedere la fiducia, tra i punti cardine del contratto di governo e del suo impegno presso il parlamento, c’era l’ambizione di guidare un governo sovranista. Essendo il primo governo di tal tipo in un paese fondatore dell’Europa, e parliamo di un grande paese, della seconda potenza industriale c’era l’ambizione che avesse la forza rivoluzionaria, propulsiva e dirompente di cambiare gli equilibri europei. Sapeva presidente, che noi volevamo che l’Europa uscisse dal paradigma ordo-liberista, che volevamo un Europa attenta alle politiche sociali, attenta agli ultimi, ai lavoratori. Un’Europa che preferisce salvare i bambini greci che non hanno più gli ospedali invece delle banche tedesche che hanno investito e speculato in Grecia. Un’Europa dei popoli e non della finanza. Le abbiamo dato mandato più volte di intraprendere azioni concrete per portare avanti questa linea. Le abbiamo chiesto di dire no al nuovo fondo salva stati! non c’è una riga nei verbali dell’Eurogruppo dove lei o il ministro Tria abbiano detto una sola parola su questo”.

Oggi Conte a Bruxelles: “L’Italia è più forte in Europa”

Oggi Giuseppe Conte incontra a Bruxelles i presidenti uscenti ed entranti della Commissione (Juncker e von der Leyen), e del Consiglio (Tusk e Michel). Ecco le sue parole: “L’Italia oggi è più forte, e con il nuovo Governo intendiamo svolgere un ruolo di primo piano in questa fase di rinnovamento dell’Unione europea. La mia determinazione è massima e confido di poter riscontrare un elevato grado di convergenza con la nuova Commissione europea”. Secondo Molinari l’Italia è più forte proprio per merito della Lega che ha assunto in questi mesi un certo atteggiamento con l’Europa. Detto ciò la speranza è che l’Italia anche con questo nuovo governo continui ad avere una posizione di forza e non di sottomissione alle volontà tecnocratiche di Bruxelles.