Ritratti nazisti in hotel, cliente scrive recensioni negative: denunciato

ritratti nazisti
Cliente infastidito da ritratti nazisti in hotel, è scontro coi proprietari – FOTO: viagginews

Un uomo vede dei ritratti nazisti nell’hotel dove aveva prenotato per le vacanze, la cosa alla fine porta ad un durissimo scontro legale.

I proprietari di un albergo situato in Austria hanno denunciato un turista tedesco che era stato loro ospite. Tutto a causa di due recensioni negative pubblicate online e nei quali il visitatore aveva lamentato di aver visto un ritratto del nonno dei gestori mentre indossa l’uniforme nazista, con tanto di svastica in bella vista e sguardo fiero e severo. Nello scorso mese di agosto l’uomo, assieme alla moglie, aveva prenotato una camera doppia in questa struttura situata sulle Alpi tirolesi, nella località di Gerlos. Nella hall c’erano il ritratto del vecchio nonno dei proprietari e di un’altra persona più giovane e sempre raffigurata nelle vesti di gerarca nazista. In questo caso si trattava di uno zio. Le recensioni negative sono state scritte su TripAdvisor e booking.com, appena una settimana dopo la visita.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Ritratti nazisti, cliente stronca l’hotel nelle recensioni e viene denunciato

“Siamo rimasti molto meravigliati, ci siamo chiesti cosa stiano cercando di dirci con questa immagine i proprietari dell’hotel. Ma questo inconveniente dice molto sull’attuale situazione in questa parte dell’Austria. Purtroppo, il nostro desiderio di visitare questa regione di montagna è completamente svanito”. I proprietari dell’hotel però hanno richiesto la rimozione di entrambe le recensioni. A loro avviso i titoli utilizzati per entrambe, “Nonno nazi” e “Nazi granpa” risulterebbero diffamatorie e calunniose. I due uomini raffigurati in altrettanti quadri erano stati membri della Wehrmacht tra 1935 e ’45. Alla fine booking.com ha ottemperato la richiesta, ma TripAdvisor no. E così i gestori dell’albergo austriaco sono riusciti ad individuare il loro cliente e lo hanno citato in giudizio.

E lui denuncia a sua volta uno dei proprietari

A loro avviso non c’è nulla di male nel ricordare dei parenti scomparsi, il ritratto dello zio poi sarebbe la sua sola effige in possesso della famiglia. E l’avvocato di quest’ultima ha affermato che il fatto di indossare l’uniforme nazista non dimostra che tali persone lo fossero. A questa affermazione, l’autore della recensione ha replicato con una ricerca nell’Archivio Nazionale Tedesco a Berlino, trovando le prove che dimostrano come in realtà invece entrambi gli uomini si fossero iscritti a loro tempo al folle partito di Hitler, nel 1941 e 1943. Ora, come ulteriori sviluppi, ci sono stati una ulteriore denuncia del cliente ad un membro specifico di questa famiglia, per via di alcune minacce telefoniche ricevute, e la rimozione dei ritratti in questione. Ed ora anche la recensione su TripAdvisor è sparita. La vicenda ha fatto parecchio discutere l’opinione pubblica.